Altobelli contro Spalletti: “Icardi è un patrimonio dell’Inter, ha sbagliato”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 4 aprile 2019 19:48 | Ultimo aggiornamento: 4 aprile 2019 19:49
Altobelli contro Spalletti: "Icardi è un patrimonio dell'Inter, ha sbagliato"

Altobelli contro Spalletti: “Icardi è un patrimonio dell’Inter, ha sbagliato” (foto Ansa)

MILANO – Alessandro Altobelli, ex attaccante dell’Inter, è intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva per parlare del momento dei nerazzurri che sono reduci da una bella vittoria contro il Genoa in campionato. Partita che ha visto il rientro con gol di Mauro Icardi. Il centravanti argentina ha segnato su rigore, ha costretto il Genoa all’espulsione e ha servito un assist al bacio per Ivan Perisic.

Altobelli attacca Spalletti: “Icardi è un patrimonio dell’Inter va tutelato”.

Le dichiarazioni di Alessandro Altobelli ai microfoni di Radio Sportiva: “Credo che ieri Icardi abbia dimostrato di essere uno dei centravanti più forti del mondo: gol, palo, assist, un rigore in una situazione non semplice. Io non lo cambierei con nessuno, anche se ha fatto scelte sbagliate, come non andare a Vienna””E’ stato consigliato malissimo. Avrebbe dovuto dimostrare di amare l’Inter anche senza fascia: questo è stato un grandissimo errore.

“Hanno sbagliato tutti: società, Icardi e Spalletti. Ognuno si prenda le proprie responsabilità. Io però vado oltre: non me ne frega niente se due o tre giocatori non vanno d’accordo. Il futuro di Icardi? Io se ho un grande giocatore cerco di tenerlo, a meno che non sia proprio obbligato a darlo via”.

“Spalletti ha una colpa clamorosa nell’aver detto che Icardi non è Messi né Ronaldo. È un patrimonio dell’Inter, va tutelato. Non me lo aspettavo da un tecnico esperto e da un uomo intelligente come Spalletti. Poi si è corretto e ha fatto pure brutta figura. Se confermarlo? Lo scorso anno ha riportato l’Inter in Champions League dopo 7 anni, quindi tanto di cappello.

“Quest’anno, però aveva 8 punti di svantaggio dalla Juventus dopo la terza giornata: e doveva esserne la rivale più diretta. È uscita dalla Champions per non aver vinto una partita in casa contro il Psv Eindhoven. È uscita dall’Europa League dalla Coppa Italia. Il giudizio spetta alla società, ma non mi sembra molto difficile”.