Antonio Conte: “Calciomercato? Siamo molto in ritardo. Lukaku mi piace ma…”

di Gianluca Pace
Pubblicato il 20 Luglio 2019 7:55 | Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2019 7:55
Antonio Conte

Antonio Conte (fonte Ansa)

ROMA – Antonio Conte è preoccupato. L’allenatore dell’Inter dice che sul tabellone degli acquisti mancano ancora troppi nomi. Mancano, soprattutto, gli attaccanti. E mancano anche le cessioni. Troppi gli esuberi. Due su tutti: Icardi e Nainggolan.

“Se devo essere onesto – dice Conte –  siamo in ritardo sulla tabella di marcia, molto in ritardo. Con la società avevamo condiviso un piano: parlo di entrate e soprattutto di uscite, perché qui non se n’è ancora andato nessuno. Dobbiamo accelerare tutti quanti, chi ha tempo non aspetti tempo. Anche perché sapete che per il me il tempo è importante, mi serve per plasmare il gruppo. Invece la strada è in salita, molto in salita”.

A Conte, è noto, servono due attaccanti, ma il mercato è incagliato da valutazioni astronomiche. “Lukaku mi piace, mi è sempre piaciuto, lo volevo anche al Chelsea e per noi sarebbe importantissimo. Ma è un giocatore dello United, questa è la verità”. E all’allenatore serve, soprattutto, un taglio agli esuberi: Icardi, Nainggolan (“Anche se è qui con noi, la situazione non è cambiata: è fuori dal progetto”), Joao Mario, Borja Valero. “Mi aspettavo che saremmo stati più avanti. Dobbiamo darci una mossa. Le ambizioni restano, ma un conto sono le parole e l’altro i fatti”.

Fonte: Ansa.