Antonio Conte: “Inter penalizzata dal calendario. E’ fatto per metterci in difficoltà”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Luglio 2020 8:26 | Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2020 8:26
Antonio Conte inter

Antonio Conte: “Inter penalizzata dal calendario. E’ fatto per metterci in difficoltà” (fonte ANSA)

Antonio Conte è furioso al termine di Roma-Inter: “Se tirano uno schiaffo lo tirano sempre all’Inter, è stato così in passato e lo è tuttora”.

L’Inter di Antonio Conte pareggia campo della Roma e spreca un’occasione di accorciare terreno dal primo posto.

Questa sera infatti c’è Juventus-Lazio e, con una vittoria, i bianconeri ipotecherebbero lo scudetto, andando a +8 dai nerazzurri a sole quattro giornate dal termine.

Conte ha analizzato la partita sul campo della Roma, terminata 2-2, sul calendario nerazzurro di questo finale di stagione.

Ai microfoni di Sky Sport, l’allenatore si è mostrato furioso, puntando il dito contro un calendario a suo dire penalizzante per la sua squadra.

“Il nostro calendario è folle, un calendario fatto per metterci in difficoltà. Le squadre con cui abbiamo giocato hanno sempre avuto un giorno in più di riposo, queste cose alla lunga le paghi.

C’è un’anomalia strana. Se volete essere onesti vedete cosa è successo nell’ultimo turno”.

Antonio Conte e l’attacco alla Lega Calcio

Conte attacca senza mezzi termini la Lega Calcio:

“Si vede che noi non eravamo presenti quando hanno stilato i calendari. Per noi è un calendario folle, altri hanno 5 giorni di riposo”.

Secondo il tecnico la distribuzione degli impegni ravvicinati nel post-lockdown penalizza particolarmente l’Inter:

“Il calendario mi sembra magico, i compromessi mi sembrano sempre negativi per l’Inter. Sarà strana questa cosa, se tirano uno schiaffo lo tirano all’Inter

E’ stato in passato così e lo è anche tuttora. Se andate a vedere nell’ultima giornata è successo qualcosa di incredibile.

E per questo dico che i ragazzi sono encomiabili e sostengono ritmi incredibili. Veniamo a Roma, pareggiando contro una squadra ottima, siamo a meno 5 dalla Juve”.

La partita

Il tecnico nerazzurro si mostra contrariato anche sull’episodio analizzato dal VAR, che ha poi portato al goal giallorosso:

“Non è una situazione dubbia. Io l’ho vista chiaramente. Il giocatore della Roma non prende la palla, prende il calcagno di Lautaro.

Anche gli arbitri comunque sono sotto pressione e non voglio attaccarmi a situazioni, non è giusto e non lo meritano. Di Bello ha sbagliato.

Certo se non prendi quel goal rimani 1 a 0 ed entri nella ripresa con un altro spirito.

Nello spogliatoio all’intervallo eravamo arrabbiati perché sentivamo di aver subito un qualcosa di ingiusto”.

Le avversarie

Infine Conte mette in evidenza anche il cammino delle concorrenti:

“Al di là del secondo posto, siamo in Champions e la Roma era partita con i nostri stessi obiettivi come il Milan, come il Napoli.

Ci si scorda questo, il campionato italiano è diventato molto competitivo.

Il prossimo anno qualcuno starà fuori in Champions: se si parla di campionato sotto le righe per noi, non immagino per chi non ha centrato l’obiettivo”. (fonte SKY SPORT)