Antonio Conte: “Al 60% allenerò in Italia, in un club dove posso vincere”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 6 maggio 2019 20:09 | Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2019 20:10
Antonio Conte: "Al 60% allenerò in Italia, in un club dove posso vincere"

Antonio Conte: “Al 60% allenerò in Italia, in un club dove posso vincere”
(Foto ANSA/AP Photo/Antonio Calanni)

MILANO – Antonio Conte, allenatore che è in cerca di una sistemazione, è stato intervistato da “Le Iene” per parlare del suo futuro professionale. Negli ultimi mesi il nome di Antonio Conte è stato accostato a molte panchine italiane. A quella della Roma, come sostituito di Claudio Ranieri, a quella del Milan, al posto di Rino Gattuso, a quella Juventus, in caso di rottura tra i bianconeri e Massimiliano Allegri, e a quella dell’Inter, per i buoni rapporti professionali con l’ad dei nerazzurri Beppe Marotta. 

Antonio Conte, indizio sul suo futuro: “Al 60% allenerò in Italia, dove posso vincere”.

Di seguito, le dichiarazioni rilasciate da Antonio Conte a “Le Iene”. “La priorità è andare in una società che mi permetta di lottare per vincere”. “Se il prossimo anno allenerò in Italia? Ci sono buone probabilità, come anche che allenerò all’estero. Ma c’è anche l’eventualità di restare fermo. In percentuale 60% di probabilità che resto in Italia, 30% che vado all’estero e 10% che rimango ad aspettare”.

“Non posso dire che ho un accordo con un club italiano perché non è vero. Non posso dire sì per nessuna squadra perché non c’è niente. Contatti con club di Serie A? Personalmente no, è un po’ presto””I giocatori più forti che ho allenato? Chiellini, Pirlo e Kanté sono i calciatori più forti che abbia mai allenato”.”Chi è più forte tra Roberto Baggio ed Alessandro Del Piero? Baggio era più fantasioso e meno goleador, Del Piero più attaccante. Quindi Baggio”.