Armando Maradona: l'Agenzia delle Entrate non aderisce a transazione

Pubblicato il 14 Maggio 2012 13:11 | Ultimo aggiornamento: 17 Luglio 2014 9:15

NAPOLI – L'Agenzia delle Entrate, a quanto si apprende, ha deciso di non aderire alla proposta di transazione avanzata dai legali di Diego Armando Maradona nel contenzioso col Fisco italiano che chiede dall'ex Pibe de Oro circa 40 milioni di euro. Domani, dunque, non ci sara' la presenza della controparte al tentativo di mediazione in programma in mattinata nella Stazione marittima di Napoli. Maradona avrebbe offerto 3,5 milioni affinche' ''Equitalia creasse un centro d'ascolto per i contribuenti'', spiega il legale Angelo Pisani.

La seduta si svolgera' comunque e al termine sara' stilato un verbale negativo di mediazione perche' una delle parti ha deciso di non partecipare.

Giovedì prossimo è intanto prevista l'udienza davanti alla commissione tributaria di Napoli che dovra' discutere ''nel merito del ricorso fatto da Maradona per accertare l'inesistenza dell'accertamento fiscale, della cartella esattoriale e l'illegittimità della pretesa creditoria. Il rifiuto dell'Agenzia di partecipare alla mediazione – evidenzia Pisani – sarà comunque valutabile, ai fini della condotta processuale, dai giudici per la decisione sulla richiesta risarcitoria di Maradona. A questo punto continuerà nella sua causa per risarcimento danni contro lo Stato italiano che si sarebbe risolta diversamente si fosse proceduto attraverso l'accordo tra le parti''.