Arthur-Barcellona, è scontro totale: il calciatore resta in Brasile e non rientra per i test anti coronavirus

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 27 Luglio 2020 22:34 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2020 22:02
Arthur-Barcellona, è scontro totale: il calciatore resta in Brasile e non rientra test anti coronavirus

Arthur-Barcellona, è scontro totale: il calciatore resta in Brasile e non rientra per i test anti coronavirus (foto Ansa)

Scontro totale tra Arthur ed il Barcellona. Il neo acquisto della Juventus non è stato più preso in considerazione dopo la firma con i bianconeri e per questo motivo ha chiesto la risoluzione anticipata dell’accordo con i blaugrana.

Arthur non sta ricevendo a Barcellona lo stesso trattamento che la Juventus ha riservato a Pjanic.

Infatti i bianconeri hanno continuato ad impiegare il bosniaco con una certa continuità mentre i catalani hanno accantonato definitivamente il brasiliano.

Mentre Pjanic serviva l’assist scudetto per Cristiano Ronaldo, Arthur stava facendo rientro in Brasile per forzare la mano al Barcellona.

Dopo una brevissima vacanza ad Ibiza, al termine della Liga, Arthur ha fatto rientro in Brasile. Oggi sarebbe dovuto tornare a Barcellona per i test anti coronavirus prima della Champions League ma non lo ha fatto.

Arthur sta cercando di forzare la mano per interrompere il prima possibile il suo rapporto con il Barcellona. Intanto il tecnico non lo farebbe mai giocare in una sfida da dentro o fuori come quella contro il Napoli in Champions League.

Ma il Barcellona non ha alcuna intenzione di accontentarlo, anche perché i blaugrana avranno Pjanic solamente al termine della Champions League, ed adesso sarebbe pronto ad agire per vie legali dopo l’assenza ingiustificata del calciatore ai test anti coronavirus (fonte Corriere dello Sport).