Asia: il super Giappone di Zaccheroni. Cina ko: vuole Donadoni

Pubblicato il 11 Ottobre 2011 19:17 | Ultimo aggiornamento: 11 Ottobre 2011 19:55

OSAKA (GIAPPONE)- Il Giappone di Alberto Zaccheroni non finisce di stupire, e a farne le spese, in una partita delle qualificazioni asiatiche del Mondiale brasiliano del 2014 e' stato il Tagikistan, travolto sotto una valanga di otto reti. In evidenza Havenaar (nato a Hiroshima, e' figlio di olandesi), Okazaki e Kagawa, autori di due gol a testa. In gol anche l'ex reggino Nakamura. ''Ero certo che avremmo vinto – ha commentato Zaccheroni – ma non in questo modo: un 8-0 e' sempre un risultato fantastico''.

In un'altra sfida delle qualificazioni asiatiche, impresa dell'Iraq del ct Zico, andato a vincere per 1-0 sul campo della Cina, allo Shenzhen Bay Sports Center, con rete del numero 10 Younis. L'Iraq ha giocato in dieci dal 20' st per l'espulsione di Abbas.

Questa sconfitta rende precaria la posizione del ct dei cinesi, lo spagnolo ex Real Madrid Camacho, che ora rischia il posto. Sui 'media' cinesi gia' da alcuni giorni si parlava del possibile arrivo sulla panchina della nazionale di Roberto Donadoni, ed ora questa sconfitta potrebbe accelerare i contatti con il tecnico cacciato in estate dal presidente del Cagliari Massimo Cellino.

L'11 novembre ci sara' la rivincita tra le due squadre, in campo neutro perche' l'Iraq, per motivi di sicurezza, non puo' giocare in patria le sue partite casalinghe.