Atalanta-Frosinone streaming e diretta tv, dove vederla: orario e data

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 agosto 2018 20:15 | Ultimo aggiornamento: 20 agosto 2018 20:16
Atalanta-Frosinone streaming e diretta tv, dove vederla: orario e data

Atalanta-Frosinone streaming e diretta tv, dove vederla: orario e data (Ansa)

BERGAMO – Serie A, prima giornata. DOVE VEDERE ATALANTA-FROSINONE IN TV E STREAMING.
Atalanta-Frosinone sarà trasmessa in tv in diretta esclusiva da Sky Sport: in streaming, attraverso Sky Go, la gara sarà disponibile su tablet, pc e smartphone [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

Atalanta-Frosinone, le probabili formazioni della partita.
ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Mancini, Masiello; Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens; Pasalic; Barrow, Gomez.

FROSINONE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Salamon, Krajnc; Zampano, Chibsah, Maiello, Hallfredsson, Molinaro; Ciano, Perica.

Martedì scorso, antivigilia del ritorno di Europa League contro l’Hapoel Haifa, Gian Piero Gasperini aveva parlato di “mercato triste ed esiguo”. Stavolta, alla vigilia dell’esordio in serie A contro il Frosinone, un sorriso ci scappa: “Abbiamo quattro centravanti e tre attaccanti esterni più tre terzini sinistri. Faccio fatica a farli giocare tutti”, esordisce l’allenatore dell’Atalanta.

Niente elogio dell’abbondanza, anche perché Tumminello è out (ginocchio sinistro) e il nuovo Ali Adnan parte dietro Gosens e Reca: “Si è fermato Palomino per gli adduttori, spero di recuperarlo per il 30 in Danimarca – spiega il tecnico nerazzurro -. In avanti Barrow o Zapata, gli altri sono Gomez e Cornelius. Rigoni è tornato in Russia, lo vedrò solo da martedì prossimo”.

Il dubbio è fra le linee (“Ilicic rienterà a settembre”) tra Pessina e Pasalic: in mezzo, de Roon accanto a Freuler. A destra, Hateboer. E Toloi-Mancini-Masiello a protezione di Gollini, in porta alla terza di fila: “Ho tirato la monetina ed è uscito ancora lui – la battuta di Gasperini -. Anche Berisha è titolare: è presto per decidere chi giocherà più in là”. L’importanza del Monday Night va oltre la posta in palio: “Giocare il lunedì non è l’ideale nell’ottica dei due versanti, ma nelle due stagioni precedenti abbiamo fallito l’esordio e stavolta sarebbe bene cominciare col piede giusto anche per affrontare al meglio il Copenaghen nei playoff – spiega -. La seconda in trasferta, in coppa, è un piccolo svantaggio. Se andiamo ai gironi, la stagione prende già una bella piega anche sotto il profilo dell’entusiasmo”.

Per cancellare i brutti ricordi delle prime casalinghe con Lazio (3-4) e Roma (0-1), la ricetta è semplice: “In un campionato equilibrato siamo tutti in rodaggio e vincere contro una neopromossa che ha cambiato volto non è facile. Serve qualità per aprire difese del genere e superare le nostre incertezze. Mi basta l’uno a zero”.

Un giudizio anche sulla campagna acquisti delle concorrenti: “Chi punta all’Europa si è rafforzato, l’effetto Ronaldo ha indotto molti a muoversi – commenta il Gasp -. I colpi più grossi sono Higuain e Caldara al Milan. Ma anche Torino, Inter, Fiorentina e, a scendere, Spal e Frosinone hanno fatto buoni affari”. Chiosa sull’asticella: “Non so dove metterla, troppe incognite. Se la alziamo, dobbiamo puntare a un posto in Champions”.