Atalanta piena di riserve contro la Juventus, Napoli furioso ma non si ricorda della Coppa Italia

Pubblicato il 26 febbraio 2018 18:06 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2018 18:06
Atalanta piena di riserve contro la Juventus, Napoli furioso ma non si ricorda della Coppa Italia

Atalanta piena di riserve contro la Juventus, Napoli furioso ma non si ricorda della Coppa Italia

TORINO, ALLIANZ STADIUM – Juventus-Atalanta è stata rinviata per neve ma prima di essere a conoscenza di questo fatto, sul web si era scatenata una polemica per la formazione scelta da Gasperini, ricca di riserve che vedono raramente il campo.

Gollini, Toloi, Mancini, Palomino, Castagne, de Roon, Melegoni, Gosens, Haas, Rizzo, Cornelius dal primo minuto, scelte che sono state attaccate pesantemente dai tifosi del Napoli che hanno ribattezzato l’Atalanta “scansAtalanta”.

La polemica è piuttosto sterile perché l’Atalanta, con molte di queste riserve, ha eliminato proprio il Napoli dalla Coppa Italia.

Da Twitter

Atalanta piena di riserve contro la Juventus, Napoli furioso ma non si ricorda della Coppa Italia

Atalanta piena di riserve contro la Juventus, Napoli furioso ma non si ricorda della Coppa Italia

Il progetto scuola allo stadio

Nove lezioni all’insegna del fair play e dell’etica sportiva rivolte a circa 1.500 studenti delle scuole primarie (classi quarte e quinte) e secondarie (fino alla terza classe) della provincia di Bergamo, tutti i giovedì mattina di marzo e aprile dalle 9 alle 12. Non in un’aula scolastica, bensì allo stadio cittadino, per formare una generazione di tifosi responsabile e consapevole. È stata presentata la diciassettesima edizione de ‘La scuola allo stadio’, il progetto socio-educativo dell’Atalanta che prevede visite guidate al teatro delle imprese della squadra di Gian Piero Gasperini, incontri coi giocatori, lezioni pratiche sul campo con gli allenatori del settore giovanile di Zingonia e infine la partecipazione ai concorsi “Atalanta: mitologia del nome”, “Il mio slogan corretto” e “Il calcio libero dal razzismo”.