Atalanta-Roma, serata di follia ultras: scontri tifosi, bomba carta e agenti feriti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Novembre 2014 22:51 | Ultimo aggiornamento: 22 Novembre 2014 22:51
Atalanta-Roma, serata di follia ultras: scontri tifosi, bomba carta e agenti feriti

La curva dell’Atalanta (LaPresse)

BERGAMO – Atalanta-Roma è stata segnata anche quest’anno dalle scene di ordinaria follia ultrà, con un bilancio provvisorio che per ora conta due agenti feriti, forse dall’esplosione di una bomba carta.

Ad aprire le ostilità sono stati i tifosi giallorossi a inizio gara: dopo il gol di Moralez sono partiti fumogeni e petardi verso la curva sud occupata dai bergamaschi.

La polizia si è schierata a bordo campo per riportare la situazione alla calma. Nel dopo gara gli ultras nerazzurri hanno pensato bene di riprendersi la scena: si sono avvicinati in massa all’antistadio che ospitava gli autobus dei romanisti, con l’intenzione di attaccarli. Sono partiti lanci di bottiglie, bulloni e grossi petardi verso le forze dell’ordine, che facevano da cuscinetto e che hanno reagito con lanci di lacrimogeni e cariche di alleggerimento.

Due agenti sono rimasti feriti da una bomba carta lanciata contro di loro e sono stati trasportati all’ospedale di Bergamo.

Gli incidenti si sono estesi in breve a tutta la zona attorno allo stadio, con scene di guerriglia urbana: per almeno quaranta minuti l’elicottero della polizia ha sorvolato il quartiere dove sono proseguiti gli scontri. Alcuni tifosi sono spuntati da una pista ciclabile per sorprendere la polizia, altri sono fuggiti riparandosi nei condomini.

Alcune auto danneggiate e sull’asfalto è rimasto un tappeto di cocci di vetro, pietre e altri frammenti. Due giovani tifosi bergamaschi sono stati bloccati da una pattuglia della polizia. La calma è tornata solo dopo le 22, quando gli atalantini si erano ormai dispersi. Solo a quel punto i pullman con circa mille tifosi romanisti hanno potuto abbandonare lo stadio senza ulteriori problemi.