Australia, Kewell accusa Rosetti: “Ha ucciso il mio Mondiale”

Pubblicato il 19 Giugno 2010 21:04 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2010 21:12

Roberto Rosetti

«Rosetti ha ucciso il mio Mondiale». E’ l’accusa di Harry Kewell, attaccante dell’Australia espulso dall’arbitro italiano per aver respinto il pallone con un braccio sulla linea di porta durante la partita di oggi contro il Ghana.

«A meno di staccarmi il braccio e metterlo da qualche altra parte, non c’era modo di spostarlo – ha detto Kewell -. Non ho cercato deliberatamente di colpire la palla con la mano, ho cercato di usare il petto, secondo le regole, ma l’arbitro l’ha vista in un altro modo e probabilmente è l’unico ad averla vista così. Ha ucciso la mia Coppa del mondo, ha aggiunto l’australiano, secondo il quale altri episodi accaduti in questo tirneo non sono stati sanzionati con la stessa severità di Rosetti.

D’accordo il ct olandese dell’Australia, Pim Verbeek, che ha giudicato eccessiva l’espulsione di Kewell: a suo giudizio il rigore era più che sufficiente.