Baldissoni risponde a Totti: “Nessuno nella Roma può decidere da solo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 giugno 2019 14:44 | Ultimo aggiornamento: 18 giugno 2019 14:44
Baldissoni risponde a Totti: "Nessuno nella Roma può decidere da solo"

Baldissoni risponde a Totti: “Nessuno nella Roma può decidere da solo”. Foto ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA – Dopo il comunicato stampa della Roma in risposta alle dichiarazioni rilasciate da Francesco Totti nella conferenza stampa di addio al club giallorosso, è arrivata un’ulteriore replica all’ex numero dieci della Roma da parte di Mauro Baldissoni. 

Il dirigente della Roma ha rilasciato la seguenti dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport: “Bisogna partire dal passaggio che tutti i calciatori vivono dall’essere all’icona al diventare altro. Non è semplice e non rapido, implica poi un passaggio ulteriore che va accompagnato – le parole di Baldissoni a Sky -.

Siamo stati convintissimi nell’essere pazienti ed aspettarlo. Come ha detto lui stesso, un anno era più difficile per lui rendersi conto di quello che succedeva, poi a metà del secondo anno la società gli ha proposto di assumere quello che anche lui riteneva il suo ruolo più consono: il direttore tecnico.

5 x 1000

Non ha dato una risposta e siamo rimasti dispiaciuti. La scelta di Ranieri è stata accolta dalla società. Poi la scelta di andare a convincere Conte, anche lì la società l’ha voluto seguire. Non lavoro nell’area tecnica e non so se altre sue considerazioni non siano state prese. Il lavoro resta di squadra e nessuno può decidere da solo”.

Cosa aveva detto Francesco Totti su Mauro Baldissoni nella conferenza stampa di addio alla Roma (dal sito dell’Ansa): “Baldissoni? E cosa vi devo dire? Diciamo che Baldissoni è… è… un dirigente! Diciamo che mi ha aiutato indicandomi la strada. Non so dove, ma mi ha direzionato… James Pallotta lo ringrazio perché mi ha fatto restare dandomi la possibilità di conoscere un’altra realtà da dirigente. Non sputo nel piatto in cui ho mangiato. Spero che porti la Roma più in alto possibile – l’auspicio di Totti -. Ora deve essere bravo a riconquistare la fiducia della gente. Il presidente deve essere più sul posto, quando vedono il capo tutti stanno sull’attenti. Quando non c’è, fanno tutti come gli pare”.