Barcellona: Bartomeu si dimette il giorno prima della partita con la Juve

di Caterina Galloni
Pubblicato il 28 Ottobre 2020 12:58 | Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre 2020 13:08
Barcellona: il presidente Bartomeu si dimette nel giorno della partita con la Juve

Barcellona: Bartomeu si dimette nel giorno della partita con la Juve (Foto d’archivio Ansa)

Josep Maria Bartomeu, presidente del Barcellona ha rassegnato le dimissioni.

Bartomeu ha presentato le dimissioni prima della mozione di censura, in un momento di crisi profonda, economica e dei risultati, della società. Una situazione compromessa da tempo con il caso Messi e altre problematiche.

Bartomeu, dimissioni dal Barcellona: l’annuncio su Twitter

Una dichiarazione sull’account Twitter del club ha annunciato: “Il presidente Josep Maria Bartomeu annuncia le dimissioni dal consiglio di amministrazione del Barcellona”.

Bartomeu e tutta la giunta esecutiva hanno deciso di rassegnare le dimissioni dopo aver appreso la posizione della Generalitat de Catalunya sul voto di censura.

Secondo quanto riporta Sportmediaset, la Generalitat aveva scritto al club di non vedere “impedimenti legali o a detenere il voto di sfiducia, purché nel protocollo organizzativo fossero compresi i requisiti che il gruppo tecnico PROCICAT ha presentato nella riunione del 21 ottobre”.

L’addio proprio nel giorno di Juventus Barcellona

Bartomeu si è sottratto al voto di sfiducia dando le dimissioni a un giorno di distanza dall’incontro tra i bluagrana e la Juventus.

Il Barcellona è reduce da una pesante sconfitta subita in Liga contro il Real Madrid per 1-3.

A lasciare il Barcellona sono dunque anche anche gli altri consiglieri in  seguito a polemiche e risultati: su tutti l’8-2 da record con cui Messi e compagni sono usciti dalla scorsa Champions League 2019/2020.

Messi e la richiesta di andare via

Dopo varie controversie tra il club e i suoi giocatori, Messi ha presentato una richiesta di trasferimento.

I negoziati tra il padre di Messi e Bartomeu non sono riusciti a risolvere le divergenze con il sei volte vincitore del Pallone d’Oro, pronto a lasciare il suo club dopo 20 anni.

Messi ha poi fatto una clamorosa inversione a U per vedere l’ultimo anno del  contratto.

I tifosi si sono riuniti allo stadio per protestare e hanno chiesto la testa di Bartomeu.

I tifosi, che controllano la maggioranza del club, si sono poi riuniti e hanno ottenuto il numero di firme necessario per avviare una mozione di sfiducia.

Ora il futuro dell’argentino sarà di nuovo in discussione poiché il nuovo presidente del Barcellona vorrà sicuramente convincere Messi a firmare un nuovo accordo, sarà la sua massima priorità. (Fonte: SUN)