Barcellona-Roma, la moviola: i due rigori negati su Dezko e Pellegrini VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 aprile 2018 8:31 | Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2018 8:31
rigore dzeko barcellona

Il rigore negato a Dzeko in Barcellona-Roma

ROMA – La Roma esce con le ossa rotte dal Camp Nou di Barcellona dopo una gara, vinta 4-1 dai padroni di casa, che ha lasciato, e lascerà, molti strascichi polemici per la conduzione arbitrale dell’olandese Danny Makkelie.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano e Ladyblitz in queste App per Android. Scaricate qui Blitz e qui Lady

Gli episodi che avrebbero potuto cambiare la storia dell’andata dei quarti di finale, sono i due rigori, netti, non concessi alla Roma nel primo tempo.

Il primo episodio contestato è avvenuto nei primi minuti quando ancora il risultato era fermo sullo 0-0. Edin Dzeko, servito in area da Pellegrini, viene toccato col ginocchio da Semedo sulla gamba destra poco prima di calciare verso ter Stegen. Fallo netto e rigore che però non viene concesso da Makkelie.

Il secondo episodio è a fine primo tempo, quando il risultato vedeva il vantaggio per 1-0 del Barcellona. Lorenzo Pellegrini anticipa al limite dell’area Umtiti che gli pesta il piede sulla linea dell’area di rigore. In questo caso l’arbitro olandese concede una punizione dal limite. In questa occasione, più difficile da valutare, il Var avrebbe tolto tutti i dubbi.

A fine partita il più duro dei giallorossi nei confronti dell’arbitro Makkelie è stato Edin Dzeko che ha commentato così la conduzione del fischietto olandese: “Col Var la partita sarebbe cambiata? Certo, se dà quel rigore la gara cambia. L’arbitro doveva avere coraggio a fischiare contro il Barcellona. Siamo tutte e due meritatamente ai quarti e deve fischiare in modo corretto per tutti”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other