Bari-Lecce derby comprato? I tifosi leccesi si costituiscono parte civile

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Aprile 2013 17:53 | Ultimo aggiornamento: 26 Aprile 2013 17:57
Bari-Lecce derby comprato? I tifosi leccesi si costituiscono parte civile

Tifosi leccesi al San Nicola nel derby del 15 maggio 2011 (LaPresse)

LECCE – I tifosi del Lecce intendono costituirsi parte civile nel processo che comincerà il 10 maggio prossimo, dinanzi al tribunale di Bari, per la combine del derby Bari-Lecce di serie A del 15 maggio 2011, comprato – secondo l’accusa – dal club salentino per 230 mila euro. A giudizio con l’accusa di frode sportiva l’ex presidente del Lecce Pierandrea Semeraro, l’imprenditore Carlo Quarta e Marcello Di Lorenzo.

Nei confronti di Semeraro e Quarta, gli avvocati leccesi Giuseppe Milli e Francesco Calabro chiamano a raccolta gli abbonati per costituirsi nel processo. Per aderire i tifosi dovranno presentare entro il prossimo 8 maggio, presso gli studi dei due legali, una fotocopia dei tre abbonamenti dell’Unione sportiva Lecce delle stagioni 2009/10, 2010/11 e 2011/2012; sottoscrivere il mandato difensivo a titolo gratuito e portare la fotocopia di un documento identità.