Basket Nba: Natale amaro per Bryant, Miami vince a Los Angeles

Pubblicato il 26 Dicembre 2010 - 11:15 OLTRE 6 MESI FA

Natale amaro, almeno dal punto di vista sportivo, per Kobe Bryant. I suoi Los Angeles Lakers, campioni in carica della Nba, sono stati sconfitti in casa per 96-80 nel big-match giocato ieri notte contro i Miami Heat di LeBron James, in quella sfida che molti consideravano un anticipo delle prossime finali per il titolo.

Miglior marcatore dell’incontro, giocato allo Staples Center di fronte a 18.997 spettatori, è stato James, andato in tripla doppia con 27 punti, 11 rimbalzi e 10 assist. Proprio James nei giorni scorsi aveva criticato duramente la Nba «che ci costringe a giocare nel giorno di Natale, quando anche noi vorremmo stare con le nostre famiglie».

Le altre due stelle di Miami, Dwayne Wade e Chris Bosh, hanno segnato rispettivamente 18 e 24 punti. Fra i Lakers Bryant, pur rimanendo in campo per 40’05«, ha segnato solo 17 punti, così come lo spagnolo Pau Gasol. Ora Miami è la seconda miglior squadra ad Est con il 71,9% di vittorie (23-9), dietro ai Boston Celtics che hanno l’82,1% (23-5), mentre ad Ovest Los Angeles ha il 70% (21-9) ed è seconda, a pari merito con Utah, dietro i San Antonio Spurs (25-4).

Natale positivo per Danilo Gallinari ed i NY Knicks, che al Madison Square Garden, davanti a 19.763 persone che hanno riempito l’impianto nonostante la festività, hanno battuto i Chicago Bulls per 103-95. Gallinari, in campo per 36’58», ha segnato 15 punti, preso 4 rimbalzi e ‘distribuitò 2 assist. Nelle altre partite, non è andato bene il ritorno del grande ex Shaquille ÒNeal ad Orlando: i Boston Celtics hanno infatti perso contro i Magic per 86-78. ‘Shaq’, schierato nel quintetto iniziale, ha segnato solo 2 punti.