7° scudetto consecutivo per il Bayern, salutano Ribery e Robben

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 maggio 2019 19:55 | Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2019 19:55
7° scudetto consecutivo per il Bayern, il Dortmund si arrende all'ultima giornata

7° scudetto consecutivo per il Bayern, il Dortmund si arrende all’ultima giornata. Foto EPA/LUKAS BARTH-TUTTAS

MONACO DI BAVIERA – Il Bayern Monaco liquida con un roboante 5-1 l’Eintracht di Francoforte e vince il suo 7/o titolo di Bundesliga di fila, il 29mo della sua storia. L’ultima giornata del campionato tedesco non regala alcuna sorpresa con la squadra di Nico Kovac, non sicuro della conferma per la prossima stagione, che batte la squadra di Francoforte (che era ancora in corsa per la zona Champions, ma finirà 7/a), rendendo inutile il successo del Borussia Dortmund, secondo in classifica a -2, a Monchengladbach (0-2).

Bayern Monaco, Frank Ribery e Arjen Robben lasciano dopo questo trionfo.

In una partita dai mille significati – l’Allianz Stadium ha salutato due colonne come Ribery e Robben che lasceranno il club a fine stagione dopo oltre 10 anni – a mettere il sigillo sulla festa sono stati Coman (4′), Alaba (53′ dopo il momentaneo pareggio di Haller al 50′), Sanches (58′), Ribery (72′) e Robben (78′) (fonte Ansa).

Franck Henry Pierre Ribéry, conosciuto semplicemente come Franck Ribéry, è un calciatore francese, centrocampista del Bayern Monaco. Considerato uno dei calciatori più forti della sua generazione, è stato nominato miglior calciatore francese dell’anno nel 2007 e nel 2008 e miglior calciatore del campionato tedesco nello stesso anno.

5 x 1000

Al termine della stagione 2012-2013, che lo ha visto conquistare da protagonista un prestigioso treble (Champions League, Bundesliga e DFB Pokal) con il Bayern Monaco, è stato nominato UEFA Best Player in Europe, superando la concorrenza di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo (fonte Wikipedia).

Arjen Robben, vincitore di numerose competizioni nazionali e internazionali con le squadre di club, è considerato uno dei calciatori più forti della sua generazione.

Con la Nazionale olandese ha partecipato a tre Europei (2004, 2008 e 2012) e a tre Mondiali (2006, 2010 e 2014), diventando vicecampione del mondo nel 2010. Per cinque volte, di cui tre consecutive, è entrato nella lista dei candidati per il Pallone d’oro (fonte Wikipedia).