Calcio: addio a Bearzot, un ‘vecio’ senza età. Pipa sempre accesa, giocò a briscola con Pertini

Pubblicato il 21 Dicembre 2010 12:39 | Ultimo aggiornamento: 21 Dicembre 2010 12:48

Enzo Bearzot e Dino Zoff

Il suo naso, da boxeur, e la pipa, perennemente accesa, hanno fatto la felicità dei vignettisti per anni. Erano i segni distintivi di Enzo Bearzot, scomparso oggi ad 83 anni. Detto il ‘Vecio’, come si fa per tutti i friulani doc (era nato ad Aiello del Friuli il 26 settembre ’27), anche per quelli che vecchi non sono.

Ed in effetti lui non lo è stato mai, in questo aiutato dalla passione del calcio, che lo aveva preso da ragazzino, quando in un collegio di Gorizia dormiva con la foto di Campetelli, centromediano dell’Inter, sotto il cuscino. E non era taciturno, ne’ introverso – come sostenevano i suoi denigratori -, soltanto non gli piaceva sprecare le parole. Fosse stato come lo dipingevano, non avrebbe mai creato il gruppo che conquisto’ il terzo titolo mondiale del calcio italiano nel 1982 in Spagna.