Belgio-Tunisia streaming-diretta tv, dove vederla

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 giugno 2018 14:34 | Ultimo aggiornamento: 23 giugno 2018 14:35
Belgio-Tunisia streaming-diretta tv, dove vederla

Belgio-Tunisia streaming-diretta tv, dove vederla

MONDIALI 2018 – Belgio-Tunisia, partita valida per la fase a gironi dei Mondiali di Russia 2018, verrà trasmessa in diretta tv, in chiaro, su Italia 1 alle ore 14.00 e in diretta streaming sul sito ufficiale di Mediaset al seguente link [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

CLICCA QUI per il tabellone completo dei Mondiali.

Tutti i gironi dei Mondiali:

  • Gruppo A: Russia, Arabia Saudita, Egitto e Uruguay.
  • Gruppo B: Portogallo, Spagna, Marocco e Iran.
  • Gruppo C: Francia, Australia, Perù e Danimarca.
  • Gruppo D: Argentina, Islanda, Croazia e Nigeria.
  • Gruppo E: Brasile, Svizzera, Costa Rica e Serbia.
  • Gruppo F: Germania, Messico, Svezia e Corea del Sud.
  • Gruppo G: Belgio, Panama, Tunisia e Inghilterra.
  • Gruppo H: Polonia, Senegal, Colombia e Giappone.

Le dichiarazioni del ct del Belgio Martinez: “La coppa del Mondo non rispetta le generazioni d’oro, non rispetta i singoli e le stelle, ma rispetta solo le squadre vincenti. L’unica cosa che conta è stare uniti e comportarci da squadra”.Qui nessuno cerca qualcuno a cui dare la colpa, o una via d’uscita facile. Qui si lavora tutti insieme. Come ho fatto a cambiare il clima? Cercando di essere credibile nel mio ruolo. Qui tutti devono portare il loro contributo, anche chi non gioca. Essendo noiosi si vince”.

“Vedremo sempre più sorprese. Tutti oggi hanno le informazioni e la tecnologia per preparare bene le partite. In passato il talento era più decisivo perché ogni avversario era una sorpresa. Oggi è sempre più difficile segnare su azione. Non è un caso che il 60 per cento dei gol arrivi da calci da fermo”.“Lukaku è un bomber. Ma lui non è qui per vincere il titolo di capocannoniere. A nessuno di noi interessano i titoli personali. Adesso il suo ruolo è più chiaro, se chiedi troppe cose a un giocatore finisce che non funziona”.