Berlusconi: Messi, Ronaldo e il Milan stellare

Pubblicato il 5 Aprile 2011 22:56 | Ultimo aggiornamento: 5 Aprile 2011 22:56

Allegri, allenatore del Milan (LaPresse)

ROMA, 5 APR – Il Milan puo’ e deve tornare grande anche in Europa con l’acquisto di campioni indiscussi.

Silvio Berlusconi, in questi giorni, anche con deputati e senatori appassionati di calcio, e’ tornato a dipingere un futuro in grande per la sua squadra. E per farlo, sarebbe intenzionato a sborsare cifre importanti pur di acquistare un grande campione. Su chi siano caduti gli occhi del Cavaliere non e’ un mistero: da tempo ammira la potenza di Cristiano Ronaldo.

Un obiettivo piu’ a portata di mano del suo ”vero sogno”, come lo definisce un parlamentare milanista, del premier: quel Lionel Messi che tutti i presidenti di club vorrebbero. Difficile pero’ che il Barcellona accetti di privarsi del suo numero dieci. Ma quello che fa brillare gli occhi a deputati e senatori milanisti e’ la volonta’ di Berlusconi di far tornare grande il suo Milan e quindi di tornare a spendere. Per mesi, il presidente del Consiglio ha detto che la crisi gli impediva di spendere troppo. Ora questa cautela sembra venir meno.

E dietro questo diverso atteggiamento, confidano i fedelissimi, non c’e’ soltanto la passione per la sua squadra. Qualcuno, forse maliziosamente, ricorda che a breve ci saranno le amministrative che vedono proprio la sfida per il comune di Milano come una di quelle determinanti per dettare la vittoria o la sconfitta del Pdl.

Ma vi sarebbero anche ragioni di equilibri interni alla famiglia. ”A Marina ha affidato la Mondadori, a Pier Silvio Mediaset e Barbara, anche per ragioni personali, e’ sempre piu’ vicina alla squadra”, confida una persona che conosce bene Berlusconi. Il desiderio di tornare al Milan dei bei tempi, quindi, sarebbe dettato anche dalla volonta’ di ‘regalare’ alla figlia una societa’ in grado di competere anche a livello europeo.