Berlusconi si fa un’offerta e la rifiuta: “No a un miliardo per il Milan”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Giugno 2015 13:32 | Ultimo aggiornamento: 5 Giugno 2015 13:37
Berlusconi si fa un'offerta e la rifiuta: "No a un miliardo per il Milan"

Berlusconi si fa un’offerta e la rifiuta: “No a un miliardo per il Milan” (LaPresse)

MILANO – Berlusconi si fa un’offerta e la rifiuta: “No a un miliardo per il Milan”. Alle 13 di venerdì 5 maggio un lancio flash dell’agenzia Ansa annuncia: “Silvio Berlusconi avrebbe rifiutato un’offerta di un miliardo di euro per il cento per cento del Milan avanzata da Bee Taechaubol”. Così l’agenzia riprende una indiscrezione di qualche ora prima della Gazzetta dello Sport: stessa cifra, stesso presunto venditore, stesso acquirente. Ma qualcosa non torna: precisamente o non tornano i conti o non torna la logica.

C’è sicuramente stato un nuovo incontro tra Berlusconi e Mister Bee. Molto difficilmente c’è stata quell’offerta. Per un motivo semplice: è implausibile, troppo alta, quindi difficilmente vera. Molto più logico pensare che Berlusconi si sia fatto da solo quell’offerta e l’abbia rifiutata. Ovvero che abbia ricevuto un’offerta più bassa e abbia declinato, come è pienamente suo diritto fare. Se così non fosse tornerebbero i conti ma non la logica. Perché rifiutare un’offerta che stima il Milan tra il doppio e il triplo del suo valore orientativo di mercato?

Bee Taechaubol, spiega ancora l’Ansa citando fonti “non ufficiali”,  sarebbe atterrato giovedì 4 giuno  a Milano per portare avanti la trattativa di acquisizione del club rossonero. In tarda serata, poi, si sarebbe presentato a villa San Martino, residenza di Arcore del presidente, offrendo un miliardo di euro per la totalità del Milan. Berlusconi avrebbe quindi convocato i vertici di Fininvest e, dopo due ore di colloquio, avrebbe declinato l’offerta dichiarando di essere in cerca solo di soci di minoranza interessati ad investire nella società.