Bologna, auto investì 12enne: testimone riconosce la felpa di Cheick Keita

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 marzo 2018 20:00 | Ultimo aggiornamento: 16 marzo 2018 20:00
Cheick Keita bologna

Bologna, auto investì 12enne: testimone riconosce la felpa di Cheick Keita

ROMA – Una felpa riconosciuta da un testimone potrebbe inguaiare Cheick Keita, il terzino francese del Bologna indagato (insieme ad un amico senegalese) per omissione di soccorso dopo l’investimento di una 12enne, ferita lo scorso 22 febbraio.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

La novità, nelle indagini avviate dalla Procura per fare chiarezza su chi fosse alla guida al momento dell’incidente, è stata diffusa dall’emittente E’tv, i cui filmati girati nei minuti successivi all’investimento sono stati visionati dai testimoni sentiti dalla polizia Municipale.

Quel pomeriggio l’auto urtò la ragazzina in via Emilia Ponente, nella zona di Borgo Panigale a Bologna, andò a sbattere contro un autocarro e si allontanò a forte velocità, per poi tornare circa 15 minuti dopo con Keita al volante. Ciò che le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Valter Giovannini, puntano ad accertare è chi fosse il conducente al momento dell’incidente, visto che il calciatore risulta avere fornito dichiarazioni discordanti: all’inizio aveva detto di essere lui alla guida, in seguito di aver prestato l’auto ad amici, di essere rimasto a casa e di essere arrivato lì quando era stato informato dell’incidente.

Nuove evidenze testimoniali ruotano attorno a una felpa grigia indossata da Keita quando la Mercedes è tornata sul posto e il giocatore è stato identificato dalle forze dell’ordine.

Una persona che era presente, ascoltata oggi negli uffici della Municipale, ha riconosciuto nei filmati girati e diffusi dall’emittente E’tv la felpa indossata in quel momento da Keita. Lo stesso indumento, secondo il testimone, era indossato da una delle tre persone scese dalla Mercedes subito dopo l’incidente e prima della fuga dell’auto. A quanto si apprende, il testimone non avrebbe riconosciuto direttamente il giocatore, ma si sarebbe detto sicuro che l’indumento sia lo stesso. Nei prossimi giorni è fissato l’interrogatorio di Keita e dell’amico.