Daniele Cacia e Bologna deferiti dopo offese a procuratore su WhatsApp

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 febbraio 2015 18:15 | Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2015 18:15
Daniele Cacia e Bologna deferiti dopo offese a procuratore su WhatsApp

Daniele Cacia (Ansa)

ROMA – Il procuratore federale aggiunto, a conclusione dell’attività istruttoria, ha deferito al Tribunale federale nazionale l’agente di calciatori Gianluca Fiorini e l’attaccante del Bologna Daniele Cacia, per uno scambio di messaggi dal contenuto offensivo tramite l’applicazione “Whatsapp”, avvenuto lo scorso 20 settembre. A titolo di responsabilità oggettiva è stato deferito anche il Bologna.

Situazione che non desta preoccupazioni alla società emiliana, perché “si risolverà in nulla o al peggio con una piccola multa”. Anche perché Fiorini, agente Fifa, non è nuovo a situazioni del genere. A maggio 2014 era stato deferito per tre mesi per alcuni messaggi offensivi recapitati all’allora ds rossoblù Roberto Zanzi; il mese successivo ricevette una denuncia anche dal Catania per le stesse ragioni; e già Corvino, ai tempi della Fiorentina, aveva avuto che fare con Fiorini e i suoi sms.

Lo scambio di messaggi tra Cacia e Fiorini è avvenuto dopo la partita interna contro il Crotone, persa dai rossoblù per 2-0. Probabilmente qualche provocazione via WhatsApp cui il rossoblù ha risposto in chat, con Fiorini che l’ha poi denunciato alla Procura federale.