Brescia, Balotelli si sfoga su Instagram dopo espulsione: “Continuate a giudicarmi…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Gennaio 2020 21:19 | Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio 2020 21:19
Brescia, Balotelli si sfoga su Instagram dopo espulsione: "Continuate a giudicarmi..."

Lo sfogo su Instagram di Mario Balotelli dopo l’espulsione rimediata nel corso di Brescia-Cagliari di Serie A

BRESCIA – Mario Balotelli si è sfogato su Instagram dopo l’espulsione rimediata nel corso della partita tra il Brescia ed il Cagliari terminata sul punteggio di due a due. “È incredibile come un episodio possa cambiare sempre in troppo negativo o troppo positivo l’opinione di tutti drasticamente sull’essere e sulla professionalità di una persona”, ha scritto SuperMario. “Proseguirò con il mio lavoro quotidiano anche questa volta, non è un problema. Voi continuate a giudicarmi come volete”

Corini difende Balotelli. “L’espulsione di Balotelli? Il cartellino giallo era eccessivo, Mario era sulla palla e non vede il difensore del Cagliari. Non riteneva giusta la decisione dell’arbitro e ha reagito. Era entrato con l’idea di farci vincere la partita, ma non abbiamo potuto sfruttarlo e siamo andati in inferiorità numerica”.

Intervistato da Sky Sport, il tecnico del Brescia Eugenio Corini commenta così la nuova ‘balotellata’, avvenuta oggi nel match pareggiato con il Cagliari. Corini si rammarica per il risultato: “abbiamo portato a casa un punto dopo averne sfiorati tre”.

Ma perché Balotelli era partito dalla panchina? “La valutazione è stata fatta sulla gara precedente – risponde Corini -. Martedì e mercoledì Mario non si è allenato perché non è stato bene. Oggi avevo bisogno di compattezza, di una certa condizione atletica, e ho preferito Donnarumma che si conosce bene con Torregrossa”.

Poi qualche considerazione sul mercato di gennaio: “la volontà di ogni allenatore è di avere giocatori bravi, importanti, che conoscono il campionato – dice Corini -. Il mercato è difficile, complicato. Ci sono prezzi e difficoltà, quello non è il mio mestiere. E’ arrivato Skrabb, giocatore con qualità offensive. Bjarnason è un interno che conosce il campionato. Non gioca da 20-25 giorni, ma oggi l’abbiamo spinto dentro”. (ANSA).