Brescia-Inter, cori: “Se saltelli muore Balotelli” e “Balotelli figlio di p…”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 29 Ottobre 2019 21:50 | Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre 2019 21:50
Brescia Inter Balotelli cori Se saltelli muore pezzo di m e p

Brescia Inter, Balotelli nella foto Ansa

BRESCIA – Nel corso di Brescia-Inter, sono stati intonati di continuo cori offensivi contro Mario Balotelli. I tifosi nerazzurri non gli hanno mai perdonato il suo approdo al Milan con tanto di ammissione “Sono sempre stato un tifoso dei rossoneri”. Così stasera, ad ogni tocco di palla, i tifosi dell’Inter cantavano: “Se saltelli muore Balotelli”, oppure “Balotelli pezzo di m…” e “Balotelli figlio di p…”. 

Dopo una lunga esperienza in Francia, tra Nizza e Marsiglia, Balotelli ha deciso di tornare in Italia per vestire la maglia del Brescia, città dove è cresciuto e dove vivono i suoi genitori adottivi. Super Mario è tornato nel nostro campionato per rimettersi in gioco e per riguadagnarsi la maglia della Nazionale Italiana di calcio a suon di gol. Mancini ha apprezzato questo suo gesto ed è pronto a convocarlo nuovamente in azzurro nel caso in cui il suo rendimento fosse all’altezza della situazione. 

Mario Balotelli ha giocato all’Inter ad inizio carriera, dal 2007 al 2010, vincendo sei trofei in tre anni. Durante la sua esperienza nerazzurra, Balotelli è sceso in campo 86 volte segnando 28 reti. 

Durante la sua esperienza in nerazzurro, Mario Balotelli è stato allenato da Roberto Mancini e da Josè Mourinho. Il centravanti azzurro ha vinto tre scudetti, una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana e una Champions League. Questi trofei si vanno ad aggiungere a quelli che Super Mario ha vinto con la Primavera dell’Inter: lo scudetto ed il Torneo di Viareggio. 

Dopo aver lasciato l’Inter per raggiungere il suo maestro Roberto Mancini al Manchester City, Balotelli ha iniziato a girare l’Europa in cerca di fortuna. I tifosi dell’Inter non gli perdonano il suo ritorno in Italia con la maglia dei cugini e la sua frase: “Sono sempre stato un tifoso del Milan, anche quando giocavo con l’Inter…”. Così stasera non gli hanno dato tregua insultandolo dal primo all’ultimo minuto di Brescia-Inter.