Burlando a Ferrero: “Vediamo quanto duri…”. Replica: “Pensa agli esondati…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Gennaio 2015 18:36 | Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2015 18:36
Burlando a Ferrero: "Vediamo quanto duri...". Replica: "Pensa agli esondati..."

Burlando a Ferrero: “Vediamo quanto duri…”. Replica: “Pensa agli esondati…”

ROMA – Il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando punge Massimo Ferrero che risponde piccato invitandolo a pensare agli “esondati”.  Un botta e risposta, quello tra governatore e presidente della Sampdoria che si consuma tra Radio Rai e agenzia Ansa.

Ad aprire le ostilità è Burlando che parlando a “Un giorno da pecora” su Radio 2 attacca:

“Ferrero alla Sampdoria ? vediamo quanto dura”

Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro spiegano a Burlando che la Samp sta andando molto bene e lui  risponde: “Porca miseria, ora che c’è il viperetta soprattutto”. Lo ha conosciuto? “Lui è stato anche a trovarmi, mi disse: ammazza quanto sei alto”. Le piacerebbe averlo come presidente del Genoa? “Ormai se lo sono preso quegli altri”. Si dice che i soldi a disposizione di Ferrero non siano tutti suoi. Lei cosa ne pensa? “Non lo so”, ha detto il governatore a Radio2. Lei lo vorrebbe o no a dirigere il suo Genoa? “Bisogna vedere quanto dura”. Perché? “Perché tutti si chiedono: ce la farà ad andare avanti?” Per i soldi intende? “Si”. Per lei ce la farà finanziariamente? “Io non gli ho chiesto niente da questo punto di vista. Quando lui venne da me lo fece per parlare dello stadio”, ha concluso Burlando a Rai Radio2.

Immediata la replica di Ferrero. “Burlando invece di occuparsi di quanto durero’ io dovrebbe pensare ai problemi degli esondati”. Via Ansa arriva immediata e dura la replica del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero a quanto detto su di lui e sulla Samp dal presidente della Liguria. “Un presidente di regione – spiega Ferrero – dovrebbe pensare alla regione, come io penso a esportare il nome di Genova nello sport. E non deve parlare da tifoso, perchè lui fa parte delle istituzioni, le istituzioni sono di tutti, sono dei cittadini e non dei tifosi o delle squadre di calcio”. “La Sampdoria – conclude Ferrero – non ha un debito, è una delle poche società di calcio a essere sane. E dite a Burlando che dietro a Viperetta c’è Ferrero…”. .