Calcio: mini spot in tv durante le partite, per la Finanza sono irregolari

Pubblicato il 28 Giugno 2010 10:28 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2010 11:57

Controlli della Guardia di Finanza su mini-spot trasmessi in tv durante le partite di calcio, anche di competizioni internazionali. Le irregolarità riscontrate sono state portate all’attenzione dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, competente a decidere eventuali sanzioni amministrative.

Nel mirino 25 incontri relativi a Champions League e Uefa Europa League, nonché Coppa Italia Tim Cup, della stagione 2009-2010, trasmessi in ‘prime time’.

L’attività ispettiva, del nucleo speciale per la Radiodiffusione e l’Editoria della Gdf, era finalizzata a verificare il rispetto della normativa che vieta l’uso di mini-spot che coprono -in parte o per intero – le concomitanti azioni di gioco, disturbando la visione dell’evento da parte dei telespettatori.

La vigilanza è stata estesa anche a messaggi pubblicitari/ autopromozioni non adeguatamente segnalati e alle pubblicità di servizi e prodotti offerti attraverso numeri telefonici a pagamento senza indicazione di costo della chiamata, diffusi durante le rubriche sportive di accompagnamento delle trasmissioni monitorate.