Calcio/ Nazionale carica per la partita di debutto in Confederations Cup a Pretoria. Gli azzurri di Lippi promettono “grandi cose”. Iaquinta assicura “Arriveremo fino in fondo”. Confermata la presenza di Legrottaglie

Pubblicato il 15 giugno 2009 10:33 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2009 10:33

Al debutto in Confederations Cup, nella partita con gli Stati Uniti di lunedì la formazione azzurra  avrà in attivo anche Nicola Legrottaglie. Problemi fisici superati per il difensore bianconero che non sembra intenzionato ad abbandonare il suo spirito combattivo: «Sono convinto che domani sarò al 110 per cento. Sarà difficile, gli americani sono una grande squadra, possono metterci in difficolta’, sono fisicamente impostati, ci sara’ da battagliare».

Tra le file azzure si prospetta uno scontro avvincente anche per Iaquinta, che assicura: «Faremo grandissime cose e arriveremo fino alla fine». È dello stesso avviso anche Luca Toni : «Mi fa molto piacere essere tra i vecchietti, ho 32 anni e sono nel pieno della maturità, l’importante è far parte di questo gruppo e andare fino in fondo». L’attaccante del Bayern Monaco spera di essere nell’11 iniziale.  «Spero di giocare dal primo minuto – spiega Toni ai microfoni di Sky Sport 24 -, ma se giocherà un mio compagno al mio posto, farò il tifo per lui.

Tanti i campioni del mondo a scendere in campo a Pretoria: il gruppo che trionfò a Berlino continua a dare ampie garanzie al ct. «Il segreto? Ci piace stare insieme, scherziamo e ridiamo anche con i giovani e i nuovi arrivati, questo è importante perché per vincere serve anche il gruppo», spiega Toni.