Sport

Calcio, rassegna stampa 9 ottobre: l’Italia si gioca il Mondiale

Rassegna stampa 9 ottobre

Rassegna stampa 9 ottobre (la prima pagina della Gazzetta dello Sport)

ROMA – Tutte le principali news sul calcio sui giornali italiani di oggi, lunedì 9 ottobre.

Apre con un’intervista al tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, la Gazzetta dello Sport. Il titolo è “Il trono di Sarri” per indicare il primo posto in classifica e le risorse di cui dispone. “La Juve attuale è la più forte degli ultimi 7-8 anni, ha un organico di grande qualità insieme ad un allenatore straordinario. Per me, resta la favorita anche stavolta”, spiega. Dichiara poi che la Roma e l’Inter sono due squadre da temere. Un allenatore che ha portato il Napoli terzo in classifica e per il secondo anno consecutivo in Champions League avrà sicuramente offerte prestigiose, ma afferma che ad oggi intende rimanere nella città partenopea. “Ho un gruppo tutto tecnica e fantasia -conclude l’allenatore toscano – per ora lasciarlo è l’ultimo dei miei pensieri”.

Spazio alla Nazionale e alla partita di stasera con l’Albania per Il Corriere dello Sport. Alle 20:45 l’Italia scenderà in campo a Scutari per giocarsi un posto nelle migliori quattro per gli spareggi. In caso di vittoria gli azzurri risulterebbero fra le migliori seconde nei gironi di qualificazione, anche se un pareggio contro la formazione di Christian Panucci non comprometterebbe l’accesso ai play-off. Il modulo che il ct Giampiero Ventura ha scelto è il 4-2-4 con Spinazzola, Chiellini, Bonucci e Darmian in difesa; Parolo e Gagliardini a sostegno delle punte Eder, Insigne, Immobile e Candreva. Il centrocampista nerazzurro torna titolare dopo che nella scorsa partita contro la Macedonia è partito dalla panchina preferito a Verdi.

In questo inizio di campionato e Champions League la Juventus ha visto un andamento a luci e ombre e l’allenatore Massimiliano Allegri ne parla a Tuttosport. “Paura del Napoli? No, le somme si tirano a marzo e conta solo l’albo d’oro”, dice. Il match fra le due squadre si giocherà il prossimo primo dicembre, quando i giocatori di entrambi i club avranno sulle spalle diverse partite di serie A e Champions e servirà quindi lucidità e condizione. Allegri si sofferma anche sui membri della sua rosa, spiegando che Dybala è un talento e Bentancur è più avanti di Bernardeschi. “Con Higuain – continua- mi arrabbio perché finora ha dato il 50%”.

Cresce l’attesa per il derby fra le milanesi Inter e Milan di cui il Corriere dello Sport ricorda in prima pagina. I due club vengono da una stagione travagliata: posizioni in classifica dopo il quarto posto; sconfitte brucianti; umore a terra. L’Inter ha deciso di puntare su Luciano Spalletti che attualmente ha portato i nerazzurri al terzo posto, una buona posizione per tornare in Champions. Diversa la situazione di Vincenzo Montella che, dopo la sconfitta finita 0-2 contro la sua Roma, con il Milan si trova al settimo posto. I tifosi rossoneri si aspettano di più dalla propria squadra, mentre quelli nerazzurri vorrebbero consolidare l’attuale posizionamento.

Apre la sua pagina sportiva con la morte di Aldo Biscardi il quotidiano romano Il Messaggero, che dalle sue colonne ricorda il celebre giornalista e conduttore televisivo. Con il suo “Processo del lunedì”, Biscardi è stato un innovatore del racconto del calcio in tv, andando oltre le cronache. Dopo aver guidato la sua trasmissione in Rai, il conduttore ha portato il suo format in altre reti come Telemontecarlo cambiando il titolo al programma originale. Rimangono nella mente le liti e gli scoop del suo processo. Si è spento a Roma a 87 anni.

Con la pausa per le partite delle qualificazioni ai mondiali, domenica si è giocato il campionato di serie B dove tutti club sono scesi in campo. A fondo pagina Tuttosport ricorda i risultati. Allo stadio Silvio Piola il Perugia allenato da Federico Giunti ha subito ben 5 gol dalla Pro Vercelli. Amara la sconfitta del Frosinone che prende due reti dal Novara: la prima la 51esimo e poi un autogol. Con il Perugia al quarto posto, nei primi tre ci sono delle vecchie conoscenze della serie A come Empoli, Palermo e Frosinone.

Nelle gare di qualificazioni a Russia 2018 hanno giocato anche nazionali dove militano giocatori del nostro campionato. Corriere dello Sport ricorda che la Polonia, dove gioca l’attaccante del Napoli Milik, battendo il Montenegro per 4-2 è matematicamente qualificata per i tornei mondiali. Nella classifica completa è al quattordicesimo posto e non accadeva da 12 anni che i polacchi partecipassero a un Mondiale. L’ultimo è stato quello del 2006. Sogna la Slovacchia dell’altro napoletano Hamsik, che spera nella sconfitta della Scozia per un posto agli spareggi. Con un rigore realizzato dall’ex attaccante della Roma, Mohamed Salah, l’Egitto è la seconda nazionale africana al Mondiale.

To Top