Calcio/ Roma-Gent, Europa League: la squadra che scenderà in campo all’Olimpico

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 30 Luglio 2009 11:15 | Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre 2011 12:16

 

Roma-Gent, questa sera all'Olimpico, apre la stagione europea per le squadre italiane

Roma-Gent, questa sera all'Olimpico, apre la stagione europea per le squadre italiane

Roma, 30 Luglio- Amichevoli terminate. Si inizia  a fare sul serio.

Entusiasmo nei tifosi della Roma, attesi in 35.000, che nella prima stagionale all’Olimpico potranno ammirare la loro squadra del cuore ed i loro idoli.

C’è voglia di Roma in città e la diretta televisiva, solo sul digitale, non impedirà a molti tifosi, ancora non partiti per le vacanze, di recarsi allo stadio.

La gara di coppa di oggi, poco interessante da un punto di vista tecnico, è una partita dal sapore storico: prima partita di un club italiano nella neonata Europa League.

Il match è anche la prima gara ufficiale della stagione per i club italiani. L’andata verrà disputata il 30 Luglio, il ritorno avrà luogo il 6 Agosto. La partita è valevole per il 3°turno preliminare di Europa League.

Novità importanti nella formazione della Roma che affronterà stasera, all’Olimpico, i belgi del Gent. Prima di analizzare nel dettaglio la formazione partiamo da una certezza: Daniele De Rossi sarà titolare.

Questa la probabile formazione:

Modulo Tattico- Spalletti abbandona il 4-2-4 ed opta per un classico, e maggiormente affidabile, 4-4-2. Abbandonato il 4-2-3-1 delle stagioni precedenti.

Portiere e Difesa- Tra i pali confermata la fiducia al portiere brasiliano Artur, oggi terrà una conferenza stampa alle ore 16  Trigoria, in panchina il giovane rumeno Pena.

I maggiori dubbi di formazione riguardano la difesa. Solamente Mexes è certo della maglia da titolare. Per il ruolo di terzino destro è ballotaggio tra Cassetti e Motta, mentre per la fascia sinistra sono in lizza Tonetto, favorito, Riise ed Antunes. Il difensore centrale da affiancare a Mexes sarà scelto tra Andreolli, Riise, favorito, e Cassetti.

Centrocampo- Due mediani e due esterni. In zona mediana agiranno Pizarro e De Rossi, al posto dell’infortunato Brighi. Il nazionale italiano, non al top della condizione fisica, era in forte dubbio ma, dato lo stop di Brighi, ora deve scendere per forza in campo. De Rossi è contento. Nei giorni passati si era impegnato duramente per scendere in campo tra i titolari e ricevere l’abbraccio, simbolico, del suo pubblico. Il sogno di De Rossi diviene realtà.

Il ruolo di ala destra sarà ricoperto da Taddei. Il brasiliano, autore di tre gol in questo pre-campionato, è il giocatore più in forma dei suoi. Guberti, ottimo il suo inserimento nella Roma, sarà impiegato come ala sinistra. Troppo importante avere due giocatori in grado di saltare l’uomo, distribuire cross per le punte e creare la superiorità numerica.

Attacco- Vucinic, Baptista e Menez sono fuori gioco. Scelte obbligate in avanti: Totti e Okaka. I due centravanti hanno mostrato una buona intesa durante l’ultima amichevole dei giallorossi. Okaka agirà da tradizionale perno alto mentre Totti, assistito da Guberti e Taddei, giocherà sulla trequarti. I due giocatori hanno caratteristiche che fra loro si sposano molto bene.

Roma (4-4-2): Artur- Motta, Riise, Mexes, Tonetto- Taddei, Pizarro, De Rossi, Guberti- Okaka, Totti. Allenatore: Spalletti

Gli avversari- I giocatori del Gent, arrivati quarti nel precedente campionato belga, sono chiamati i Buffalo’s. Questo soprannome ha le sue radici nella visita che Buffalo Bill, nel 1900, fece al club belga.

Un gol di Milos Maric, al 91′, in Bielorussia aveva tenuto in gioco la squadra belga. Il gol di El Ghanassy, al 52′, nella gara di ritorno ha mandato in estasi i 13.000 dello Stade Jules Otten e ha regalato la qualificazione alla sua squadra.

Sconfitta per 1-2 in Bielorussia, vittoria 1-0 in Belgio e qualificazione ottenuta grazie alla rete segnata in trasferta.

Nella città belga, prima della partita di questa sera, già si respirava la grande attesa per la partita contro la Roma. Lo stadio di casa sarà tutto esaurito. Grande la componente, fra i tifosi del Gent, di emigrati italiani residenti in Belgio.

Il presidente De Witte, alla vigilia della gara di ritorno contro il Naftan, sfidando ogni scaramanzia ha dichiarato: «Sarebbe fantastico presentare un giocatore come Totti ai nostri tifosi».

Questo l’undici tipo del Gent:

(4-3-3): Jorgacevic- Suler, Hanstveit, Wils, Smolders- Mbaye, Custovic, Lepoint- Maric, Ljubijankic, Grondin. Allenatore: Preud’homme

Già proprio lui. Michel Preud’homme (24 gennaio 1959) ex gloria del calcio belga, di ruolo portiere. Ha difeso la porta dello  Standard Liegi, del Malines, del Benfica e della Nazionale di calcio del Belgio.

Questa la sua carriera da allenatore: Nel 2001-2002 ha debuttato in panchina allenando la squadra dove aveva cominciato a giocare, lo Standard Liegi. Nel 2006 è tornato a ricoprire l’incarico e nel 2007-2008 l’ha condotto alla vittoria del titolo belga dopo 25 anni. Dal 2008 allena il K.A.A. Gent.

Questo il suo curriculum:

4 campionati belga (1 da allenatore), 1 Coppa del Portogallo, 1 Coppa delle Coppe e 1 Supercoppa Europea. A livello individuale ha vinto 2 premi come miglior giocatore belga della stagione e 1 premio Yashin come miglior portiere della Coppa del Mondo del 1994.

Questa sera inizia la stagione Europea per le squadre italiane. La speranza è di assistere a maggiori successi rispetto la scorsa stagione continentale. Infortuni permettendo, questi saranno i protagonisti di Roma-Gent.