Calcio, Spagna: Assocalciatori e Lega ai ferri corti, a rischio la ripresa del campionato

Pubblicato il 30 Dicembre 2010 13:12 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2010 13:17

La 17/ma giornata della Liga spagnola e’ appesa a un filo. Tocchera’ oggi alla Corte suprema nazionale (Audiencia Nacional) decidere se il turno di campionato sara’ disputato secondo programma (cinque gare domenica e altrettante lunedi’), se invece saranno spostate tutte le partite a lunedi’, o se ancora, nell’ipotesi peggiore, non si scendera’ proprio in campo, con conseguente recupero dell’interno turno a data da destinarsi (probabilmente a giungo).

La disputa davanti al tribunale vede come protagonisti da un lato l’Assocalciatori spagnola (Afe) e dall’altro la Lega nazionale professionistica (Lfp): secondo il sindacato, che lamenta il mancato pagamento degli stipendi a diversi giocatori di prima e seconda divisione, il 2 gennaio e’ a tutti gli effetti un giorno di ferie (come previsto dal contratto collettivo che scadra’ a maggio 2011), e quindi non e’ accettabile la programmazione delle gare in quella data.