Calcio, tifosi del Brescia in ritiro del Torino: insulti e minacce

Pubblicato il 12 Giugno 2010 0:48 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2010 1:42

Duecento tifosi del Brescia hanno fatto irruzione nel ritiro del Torino, a Iseo (Brescia), insultando e minacciando i giocatori che le rondinelle affronteranno nel ritorno della finale play off. L’episodio si è verificato intorno alle 23.30, quando i giocatori del Toro erano già nelle proprie stanze.

I tifosi bresciani hanno scavalcato il muro di cinta dell’hotel Lago di Iseo e, dal parcheggio della struttura alberghiera, hanno iniziato a scandire slogan e cori contro la squadra granata. Solo l’arrivo delle volanti della polizia, allertate dalla Digos di scorta al club granata, ha fatto allontanare gli ultrà bresciani.

“E’ stato un brutto episodio, i ragazzi sono sotto choc”, si limita a commentare la società granata, presente al gran completo nel ritiro, che ospita anche il presidente, Urbano Cairo, e il direttore sportivo, Gianluca Petrachi. L’irruzione viene guardata con preoccupazione in vista della partita di domenica sera, in cui le due squadre si giocheranno l’accesso alla serie A in un clima rovente. Nello 0-0 dell’andata, non sono infatti mancate le polemiche: prima per il gol annullato al Torino, poi per la squalifica del granata Bianchi.

L’attaccante granata è stato accusato a fine gara dal consulente tecnico del Brescia, Gigi Maifredi, di avere pronunciato una bestemmia nel corso della gara e il giudice sportivo lo ha squalificato per un turno. I giudici sportivi però, hanno accolto il ricorso del Toro, per cui Bianchi sarà regolarmente in campo. Lo stesso Maifredi ha denunciato alla polizia di avere ricevuto delle minacce di morte, da parte di presunti tifosi del Torino, per le accuse mosse a Bianchi.