Calcio/ Venerdì 14 agosto, a Pescara, Milan, Inter e Juve si sfideranno nel Trofeo Tim. I nerazzurri schiereranno molti giovani, per i rossoneri esordi di Huntelaar e Roma

Pubblicato il 14 Agosto 2009 0:20 | Ultimo aggiornamento: 14 Agosto 2009 0:20

Appuntamento con il grande calcio, a Pescara, a pochi giorni dall’inizio del campionato di serie A. Nella città abruzzese, Milan, Inter e Juve si sfideranno venerdì 14 agosto nel trofeo Tim, ormai un classico tra gli appuntamenti dell’estate calcistica.

Il mini-triangolare, in cui ciascuna partita durerà 45 minuti, è giunto ormai alla sua nona edizione. Allo stadio Adriatico di Pescara, i tifosi delle tre squadre potranno verificare lo stato di forma dei propri beniamini. C’é da scommettere che saranno di nuovo scintille.

José Mourinho ha già annunciato che darà spazio ai giovani, alle riserve, a quelli che hanno giocato di meno: nella lista ci sono anche tre nuovi baby presi dalle giovanili. Però tra i nazionali impegnati ieri in amichevole, fuori dai convocati è rimasto il solo Eto’o.

All’allenatore portoghese interessano solo i “tituli” veri, ma ritrovarsi di fronte i cugini del Milan sarà stimolante anche senza Ancelotti. E poi c’é la Juve di Ferrara che ambisce a giocarsela alla pari. Senza Sissoko e Camoranesi però, perché all’infortunio del maliano si è aggiunto dalla nazionale anche lo stop a breve del centrocampista italo-argentino.

Il Milan si presenta invece con Roma, il portiere che rimpiazza Kalac, e i guai fisici di un’estate tormentata, con tanto di sconfitte in sequenza, la coppia Ronaldinho-Pato, il rientrante Gattuso, e soprattuto Huntelaar. Fermi Seedorf e Thiago Silva, mentre un turno di riposo per gli azzurri Pirlo e Zambrotta.

«Fino ad ora il bel gioco era un’ossessione, ora è diventato un piacere», ha ricordato Mourinho per scacciare una volta di più i fantasmi della sconfitta in Supercoppa contro la Lazio. «Non penso alle critiche, ma guardo dentro di noi e vedo un futuro», ha aggiunto il tecnico nerazzurro.

Il Milan aspetta risposte da Huntelaar, unico acquisto eclatante nella stagione dell’addio a Kakà. La Juve, dopo una preparazione brillante, vuol far dimenticare lo scivolone col Villareal. Quella bianconera, tra l’altro, è l’unica delle tre “grandi” a non aver mai vinto il Trofeo Tim: sarà pure un titulo amichevole, ma cominciare così sarebbe un bell’iniziare comunque.