Calciomercato Bologna, Bigon: “Ibrahimovic? Trattativa tra lui e Mihajlovic”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 8 Dicembre 2019 21:12 | Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre 2019 21:12
Calciomercato Bologna, Ibrahimovic: trattativa tra lui e Mihajlovic

Ibrahimovic è il sogno di calciomercato del Bologna (foto Ansa)

BOLOGNA- A margine della partita di Serie A tra il Bologna ed il Milan, si è parlato molto della trattativa di calciomercato per Zlatan Ibrahimovic. I due club si stanno sfidando a colpi di milioni di euro per convincere il centravanti svedese che in questo momento è svincolato. Stando agli ultimi rumors di calciomercato, il Milan sarebbe favorito sul Bologna ma intanto riportiamo le dichiarazioni rilasciate dal ds dei rossoblù Bigon ai microfoni di Sky Sport. 

“Ibrahimovic? È una suggestione che abbiamo già spiegato e raccontato più volte. Lo ha spiegato anche il mister all’ultima conferenza, il contatto è  diretto tra il mister e Ibrahimovic. C’è stato il mese passato, Ibra era d’accordo con il mister che avrebbe preso le sue decisioni nel mese di dicembre, siamo arrivati a quel punto e chiaramente siamo ben contenti e propensi a parlare di questa situazione qualora lui decidesse di intraprendere questa strada. Aspettiamo le sue decisioni.

Noi abbiamo fatto, negli ultimi quattro mesi dell’anno scorso e con gli stessi attaccanti che abbiamo adesso, il quarto miglior attacco della Serie A. Non eravamo assolutamente in difficoltà in quel settore e non lo siamo oggi. La squadra fino ad oggi ha prodotto tanto, ma è chiaro che se parliamo di giocatori alla Ibrahimovic c’è poco da discutere, non si può avere alcun dubbio. Poi se abbiamo delle alternative sul mercato bisogna capire quali, come e a che costi, con quali formule. 

Viviamo in un mondo che pensa di risolvere ogni minimo problema comprando qualcosa. Noi siamo stati questa estate la seconda o terza squadra che ha speso di più sul mercato, abbiamo messo dentro almeno 5 o 6 giocatori giovani sui quali crediamo molto. Se pensiamo che ragazzi di 19, 20, 21 anni, vengono da Paesi stranieri, in un campionato difficile come quello italiano, in questi quattro mesi e mezzo senza allenatore, che siano già giocatori che fanno la differenza, allora forse vediamo le cose un po’ troppo distanti.  Poi è vero che comprando giocatori forti si migliora la squadra e se sarà possibile lo faremo.

Preferisco parlare di Sinisa Mihajlovic. Rivedere il mister in mezzo a noi dopo più di quattro mesi e mezzo è una grande gioia. Siamo tutti come sempre vicini a lui e cerchiamo di dargli una grande forza per superare giorno per giorno le difficoltà. Riesce a dare un contributo più che sostanziale qui” (fonte Sky Sport).