Calciomercato Cagliari, manca solo l’ufficialità per Simeone

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 Agosto 2019 23:00 | Ultimo aggiornamento: 29 Agosto 2019 21:51
Calciomercato Cagliari Simeone fatta

Giovanni Simeone nella foto Ansa, potrebbe essere il grande colpo di calciomercato del Cagliari

CAGLIARI – Il Cagliari sta per piazzare il colpo di calciomercato Giovanni Simeone dalla Fiorentina. Si attendono risposta del giocatore e l’ufficialità. Ma per il Cagliari dovrebbe essere quasi fatta: Simeone in arrivo dalla Fiorentina in prestito con riscatto fissato a 15 milioni di euro. L’assalto finale al Cholito è scattato in serata, ma le società in ballo erano due: Cagliari e Sampdoria.

Il club sardo ha incontrato i dirigenti toscani. L’offerta era più o meno sullo stesso piano dei blucerchiati. Di qui la necessità di attendere la risposta del giocatore. Cagliari in vantaggio: anche l’attaccante sa bene che, considerando l’infortunio di Pavoletti, il punto di riferimento in attacco per Maran sarebbe lui.

E sarebbe un’occasione per tentare il rilancio dopo l’ultima stagione in viola conclusa con 6 reti in 36 partite. Il campionato precedente era andata molto meglio: 14 gol in 38 partite. Anche dopo il ritorno di Pavoletti, Simeone avrebbe comunque la possibilità di giostrare intorno al bomber rossoblù come seconda punta. Maran spera di avere il giocatore subito a disposizione per l’Inter.

Mancano poche ore alla fine del calciomercato e il Cagliari cerca urgentemente portiere e seconda punta. Per l’estremo difensore si è pensato a Olsen della Roma ma è probabile che sfumi perché il portiere cerca il rilancio ma aspetta forse fuori dall’Italia una chiamata da una squadra che gioca le coppe.  
   
Tra i pali si sta pensando anche a Viviano e Sorrentino perché le ultime visite a Cragno non hanno ancora scongiurato la possibilità di tempi lunghi per il recupero. Il ragionamento del club rossoblù sarebbe quindi quello di prendere un altro portiere per non rimanere con i soli Rafael e Aresti.

L’attuale “terzo”, Ciocci, è un giovane, classe 2002, ancora in età da Primavera, che sino alla scorsa stagione giocava con l’under 17.
    Per quanto riguarda la seconda punta, l’arrivo di un altro attaccante non metterebbe a rischio la posizione di Joao Pedro (fonte Ansa).