Calciomercato: il Manchester City vuole anche Ibra, la Juve col dilemma Diego

Pubblicato il 14 agosto 2010 0:20 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2010 23:47

Mario Balotelli ha firmato per il Manchester City, mettendo fine alla trattativa finora più importante del calciomercato italiano. L’entrata nelle casse dell’Inter dei 28 milioni pagati dagli inglesi potrebbe aprire nuovo prospettive ai nerazzurri, anche se Massimo Moratti intende dare la precedenza al bilancio. I campioni d’Europa sembrano aver rinunciato al centrocampista argentino del Liverpool Javier Mascherano, che le ultime indiscrezioni sulla stampa del suo Paese danno molto vicino al Barcellona.

In Catalogna invece si fa sempre più incerta la sorte di Zlatan Ibrahimovic: secondo voci insistenti, proprio il City di Roberto Mancini avrebbe pronta un’offerta clamorosa per avere il genio svedese impolverato dall’ultima stagione. Pare impossibile che l’ex allenatore dell’Inter riesca a riunire di nuovo Balotelli ed Ibra – due suoi beniamini – ma quando c’è di mezzo Mino Raiola, agente di entrambi, tutto o quasi è possibile.

Il Chelsea di Carlo Ancelotti ha ufficializzato l’acquisto del centrocampista brasiliano Ramires dal Benfica, un altro brasiliano, Hernanes, e’ stato presentato dalla Lazio e ha promesso che la squadra lotterà per il quarto posto.

La Juventus continua a valutare le offerte per Diego, conteso in Germania fra Wolfsburg e Schalke 04, con il primo club forse ancora in vantaggio. In entrata sembra persa la pista di Michel Bastos, esterno sinistro del Lione, che la società francese ha tolto dal mercato. Anche se l’interessato aveva detto di preferire l’Italia a qualsiasi altra destinazione. I bianconeri hanno intanto ceduto a titolo definitivo al Bologna il centrocampista svedese Albin Ekdal per 4,8 milioni di euro pagabili in due anni.

A Liverpool è stato invece presentato l’ex juventino Christian Poulsen. La Fiorentina chiude alle cessioni clamorose. ”Teniamo tutti i migliori”, Gilardino, Montolivo e Vargas in primis. Lo ha annunciato il direttore sportivo Pantaleo Corvino, che si è complimentato con Moratti per la vendita di Balotelli.