Fiorentina scatenata sul mercato, ufficiali Caceres e Dalbert. No di Pradè a De Paul e Pedro

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Agosto 2019 20:52 | Ultimo aggiornamento: 30 Agosto 2019 20:52
Calciomercato Fiorentina Caceres De Paul Pedro Dalbert Pradè fa chiarezza

Caceres con la maglia della Juve, è l’ultimo colpo di calciomercato della Fiorentina (foto Ansa)

FIRENZE – Fiorentina scatenata sul calciomercato. Nelle ultime ore, il club viola ha perfezionato gli acquisti di Dalbert (ex Inter) e Caceres (ex Juventus). Il ds Pradé ha fatto il punto sul calciomercato della Fiorentina escludendo gli acquisti di De Paul dell’Udinese e di Pedro del Chelsea. Le sue dichiarazioni sono state riportate dal Corriere dello Sport. 

“L’ambizione è quella di andare subito in alto. Il prossimo anno saremo competitivi per andare in Europa. Ribadisco però che quest’anno siamo una squadra completamente in ricostruzione. Abbiamo cambiato tutto. Anche i giovani che sono all’interno della nostra rosa erano fuori. Stiamo diventando squadra adesso. E’ impossibile non avere un anno di transizione. Non voglio mettere pressione a nessuno, ma è chiaro che abbiamo l’ambizione per raggiungere qualcosa di positivo. Ancora mi brucia la sconfitta col Napoli ma di quella partita prendiamo il positivo, che è molto. Se all’interno noteremo dei miglioramenti da fare, l’anno prossimo li centreremo. Questo discorso vale anche per gli ultimi giorni di mercato. Se ci sarà un’operazione funzionale da fare, la faremo sennò no. Il presidente ci ha dato mano libera ma con un senso”.

“A Simeone facciamo un grande in bocca al lupo perché è un grande uomo e una grande persona. Un nuovo centravanti? Abbiamo anche altre soluzioni oltre a Vlahovic e Boateng. Abbiamo riflettuto da inizio mercato alla possibilità di cedere Simeone che voleva andare a giocare. Ci guarderemo intorno se c’è una possibilità, ma se non ci sono possibilità non lo faremo. Abbiamo condiviso ogni parola e ogni scelta con Montella, anche la possibilità che Chiesa giochi centravanti. Llorente sarebbe stata un’operazione importante per noi ma avrebbe chiuso Vlahovic. Boateng è un nove, anche se falso. Se cambi il modulo non è un centravanti come punta vera. I gol non ci mancano perché abbiamo già fatto sei gol tra Coppa Italia e Serie A. Non è l’anno per preoccuparsi. Se quest’anno Vlahovic fa meno gol di quanto pensiamo non mi preoccupa, vale lo stesso per gli altri attaccanti. L’anno prossimo mi preoccuperebbe”.

“De Paul? Non arriva, vi levo subito il dubbio. Non è viva nonostante il rapporto ottimo con Pozzo. Non c’è la possibilità di prenderlo”. “Pedro del Chelsea? Ci piace tanto ma ci sono dei costi importanti da analizzare. Il costo, per ora, è troppo alto. Ci piacciono tanti calciatori ma non vogliamo andare a togliere spazio ai nostri calciatori già presenti in rosa. Vogliamo veder crescere i giovani che abbiamo a disposizione” (fonte Il Corriere dello Sport).