Calciomercato Fiorentina/ Lucarelli, Kjaer, Zapata, Brighi, De Silvestri: questi i nomi nel taccuino di Prandelli

Pubblicato il 14 Luglio 2009 10:37 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2009 10:37

lucarelli_fiorentinaLa cessione di Felipe Melo ha sblocato il calciomercato della Fiorentina. La squadra viola, abbastanza ferma fino a questo momento, è pronta ad investire sul mercato una cifra intorno ai 30 milioni di euro. La squadra di Prandelli ha il desiderio di ben figurare, a differenza della scorsa stagione, in Champions League.

La squadra ha bisogno di arricchire la rosa e per far questo servono rinforzi in tutte le zone del campo.

DIFESA– Piacciono, e molto, Zapata, dell’Udinese, e Kjar, del Palermo, vecchio pallino di Pantaleo Corvino. Il danese sembra blindato dal Palermo. Zamparini è disposto a sedersi al tavolo delle trattative per una cifra, non inferiore, ai 20 milioni di euro. Con l’Udinese il discorso è diverso. I friulani stanno avviando un processo di riapertura di un nuovo ciclo.

L’obiettivo è vendere i big e scovare nuovi giocatori in giro per l’Europa ed il Sudamerica. Zapata dell’Udinese, giocatore che piace molto a Cesare Prandelli, è alla portata dei viola. La volontà è quella di costruire una coppia di difensori centrali costituita da Zapata e Gamberini, Nazionale italiano, con Dainelli pronto a subentrare.

CENTROCAMPO– C’è necessità di giocatori che sappiano fare sia la fase difensiva che quella offensiva. Matteo Brighi, della Roma, è sempre una pista attuale. Il giocatore è in rottura con i giallorossi. Troppe le frizioni fra il suo procuratore, Vanni Puzzolo, ed i dirigenti romanisti. Piace anche, e molto, il tornante della Lazio De Silvestri. Prandelli avrebbe individuato per lui una collocazione tattica alla Criscito: centrocampista di fascia con spiccate attitudini sia offensive che difensive.

ATTACCO– E’ proprio per il reparto offensivo che si delina l’operazione di mercato più suggestiva: prendere l’ex bandiera del Livorno Cristiano Lucarelli. Sembrava certo il suo trasferimento in amaranto ed invece, complice una cattiva gestione della trattativa da parte del suo procuratore, il bomber livornese è ancora sul mercato. Basterà offrire un progetto convincente per convincere il bomber. La prospettiva di giocare in Champions League non gli è indifferente.