Calciomercato: Giovinco, Mexes, Klose, Pazzini, Pato e Luiz Adriano in scadenza

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 novembre 2014 16:19 | Ultimo aggiornamento: 14 novembre 2014 16:19
Calciomercato: Giovinco, Mexes, Klose, Pazzini, Pato e Luiz Adriano in scadenza

Luiz Adriano (LaPresse)

ROMA – Il calciomercato di gennaio si avvicina e La Gazzetta dello Sport parla di tutte le “tentazioni” per le società italiane in un articolo di Carlo Laudisa:

“Chiamatele pure tentazioni. Le scadenze di contratto abbondano (in Italia e all’estero) e il mercato entra in fibrillazione. Spiccano i nomi di Aquilani, Giovinco, De Jong, Mexes, Klose, Pasqual, Romero, Pazzini, Pato e Luiz Adriano. Ed è facile capire quante attenzioni attirino. Sono maturi i tempi per trarre tante conclusioni, ma bisognerà attendere l’apertura delle liste a gennaio per entrare in azione. Le regole, infatti, sono chiare. A sei mesi dalla scadenza del contratto qualsiasi calciatore può accordarsi con un nuovo club alla luce del sole. Ma spesso si utilizza proprio il mese di gennaio per trovare una soluzione in extremis, magari con un indennizzo più o meno simbolico.

Il boom Ad ogni modo la Serie A ha già fatto un passo indietro. Si spiega così l’aumento dei giocatori ancora a metà del guado. Cioè senza certezze per la prossima stagione. Il censimento porta ad un totale di ben 106 calciatori a fine contratto, un numero elevato. E soprattutto in continua crescita. Ogni caso è differente dall’altro, ma è comune la scelta dei club di temporeggiare nei rinnovi. Soprattutto per i più costosi. Ad esempio, per la Juventus l’unico caso davvero caldo è quello di Sebastian Giovinco: in estate il rinnovo sembrava fatto, poi è calato il silenzio. Ed è dura credere in un lieto fine. Ora lui si consola con le convocazioni in Nazionale, ma in estate farà le valigie: in Italia o all’estero? Più difficile che si sposti subito, a meno che non si faccia avanti un ricco acquirente a sorpresa… Sembrano positivi, invece, i segnali per un rinnovo di Lichtsteiner sino al 2017, e alla ripresa è già in programma un nuovo appuntamento, mentre capitan Buffon ha appena detto sì ad un nuovo biennale. Restano in attesa, invece Storari, Rubinho e Motta.

Nodi rossoneri In casa-Milan c’è grande riservatezza sul tema, anche perché abbondano gli interrogativi. Ignazio Abate è formalmente tra color che son sospesi, ma gli exit poll appaiono tutti positivi, dopo i recenti incontri con il suo agente, Mino Raiola. Per il terzino, così, la firma sino al 2017 appare una formalità. Ben diversa la situazione degli altri: sia per De Jong che per Mexes ed Essien la conferma è ancora tutta verificare. E con poche chance. Anche per lo stesso Abbiati sarà indispensabile una verifica nella prossima primavera. Un discorso a parte merita Giampaolo Pazzini, sinora rimasto ai margini del progetto di Inzaghi. Se il centravanti entra nell’ordine di idee di cambiare aria, in tempi stretti può avere l’imbarazzo della scelta. Ci sarebbe anche un’opzione negli Usa, ma Pazzini per ora fa spallucce. Il fuoco, però, cova sotto la cenere. Non ci si sorprenda, allora, se all’apertura delle liste dovesse diventare protagonista delle cronache. I pretendenti non mancano certo. All’Inter il dubbio maggiore riguarda il futuro di Jonathan, mentre per Campagnaro l’addio appare già scritto. Anche alla Fiorentina non mancano i grattacapi. Dopo la stretta di mano con Cuadrado, un po’ tutti i giocatori viola hanno alzato le pretese. Sotto questo profilo spiccano le contrattazioni di Aquilani, Neto, Pizarro e Vargas: tutte laboriose. Pasqual (di cui riferiamo a parte) è invece in una sorta di limbo. Basta scorrere gli elenchi per scoprire tante storie curiose. Prendiamo le scelte dell’Atalanta, che ha ben nove tesserati in scadenza a giugno. Difficile dire chi tra loro si guadagnerà la conferma ed è l’applicazione esemplare di una logica sempre più diffusa: capitalizzazione solo per i più giovani o comunque per i talenti di prospettiva. Gli altri devono accontentarsi o mettersi il più possibile in luce per dare un senso alla propria carriera.

Occasioni Nel panorama estero l’andamento non differisce. Nei campionati più ricchi finiscono a scadenza i giocatori più rodati, mentre i club di prima fascia difendono meglio quelli di fascia medio-alta. Tuttavia le opportunità non mancano. Prendiamo il caso di Pato, ora in prestito al San Paolo dal Corinthians. L’ex attaccante del Milan (scadenza a dicembre 2015) tornerebbe più che volentieri nel nostro campionato. Già in estate ci sono stati dei contatti sia con la Juventus che con l’Inter. E quei rumors stanno tornando d’attualità. Merita attenzione anche la posizione di Luiz Adriano, in stallo con lo Shakhtar Donetzk. L’attaccante brasiliano già in estate era stato corteggiato dalla Roma e non è da escludere che la sua prossima destinazione sia proprio l’Italia. Ma nella lista dei preferiti meritano una citazione anche Milner del Manchester City, così come Gerrard e Johnson del Liverpool. Ma non si trascuri il mitico Drogba, che continua a far bene anche nel ritrovato Chelsea. Siamo curiosi di sapere chi cadrà nella rete dei nostri club”.