Calciomercato, Inter-Lukaku non decolla. Nerazzurri si muovono per Cavani

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 18 Luglio 2019 11:54 | Ultimo aggiornamento: 18 Luglio 2019 11:54
calciomercato inter cavani lukaku

Cavani mentre esulta dopo un gol segnato all’Inter ai tempi del Napoli. Adesso è un obiettivo di calciomercato dei nerazzurri. Foto
ANSA/ELISABETTA BARACCHI

MILANO – La trattativa di calciomercato tra l’Inter ed il Manchester United per Romelu Lukaku è in una fase di stallo. Gli inglesi non vogliono sentire ragioni e non intendono trattare il prezzo del cartellino del calciatore che per loro è di 80 milioni di euro, cifra ritenuta fuori mercato dai nerazzurri. Per questo motivo, l’Inter si è già mosso per Edinson Cavani. 

L’ex attaccante del Napoli è una alternativa di pari livello anche se ha sei anni più di Lukaku (32 anni contro i 26 del belga) ma ha il contratto in scadenza nel 2020. Questo è un dettaglio molto importante perché, essendo prossima la scadenza del suo contratto, il Psg non può sparare troppo alto per il cartellino dell’uruguaiano visto che rischia concretamente di perderlo a parametro zero tra un anno. 

In questo senso, il problema più grande per l’Inter sarebbe lo stipendio annuale di Cavani. L’ex calciatore del Napoli percepisce più di dodici milioni a stagione (12 fissi più bonus facilmente raggiungibili legati alle presenze ed ai gol). I nerazzurri possono offrirgli massimo 9 milioni di euro a stagione (stessa cifra offerta a Lukaku).  L’unica cosa che può fare l’Inter è quella di garantirgli un contratto più lungo per spalmare la cifra pretesa dall’uruguaiano in più annualità. 

Si tratta di un affare difficile ma con il Psg ci sono più margini di manovra per l’età del calciatore e per il fatto che il suo contratto scade nel 2020. E’ molto più difficile trattare con il Manchester United per il semplice fatto che Lukaku ha solamente 26 anni, è nel pieno della sua maturazione calcistica, ed è blindato da un ricco contratto pluriennale che lo lega ai Red Devils (un po’ come Paul Pogba…) (fonte Il Corriere dello Sport).