Calciomercato Inter: Guarin, Muntari-Milan e Thiago Motta

Pubblicato il 31 Gennaio 2012 13:39 | Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2012 13:39

MILANO (ATAHOTEL EXECUTIVE), Calciomercato Inter –  Partiamo con la conferenza stampa di Claudio Ranieri, allenatore dell’Inter, alla vigilia del turno infrasettimanale di campionato: Guarin ti piace?

“Sì, ma non è ufficiale (ride, ndr). E’ un buon giocatore, struttura importante, ha qualità e forza fisica, ci darà una grossa mano e mi auguro che possa essere pronto al più presto. Stanno facendo le visite mediche e vedremo”.

Il periodo per la scelta di come giocare è breve? Dipende dai giocatori che arriveranno, ma uno (Guarin, ndr) non arriverà in tempi rapidissimi…

“Il periodo è molto breve. Andremo avanti con le nostre idee, chi arriverà dovrà adattarsi al nostro modo di agire”.

Se dovessero cederle Motta si sentirebbe poco ascoltato?

“No, perché so le problematiche che ci sono. Non mi sentirò ascoltato o meno, siamo una squadra e anche in questo ho la mia voce in capitolo e ci sono delle problematiche da analizzare insieme”.

Su Sneijder, lei ha già mandato in panchina tanti giocatori…

“Non ho paura a mettere fuori qualcuno, la squadra è composta da undici giocatori. Io proverò, dovrò capire in tempi rapidi cosa si può fare”.

Due giorni di fuoco per un mercato invernale che chiude alle 19 di domani. A Milano c’e’ una girandola continua di incontri e trattative, in cui si rivedono perfino personaggi che si credeva fossero finiti ai margini del pianeta pallone.

Particolarmente decise sono le milanesi, e infatti la giornata si e’ aperta con una sorpresa, il blitz con cui l’Inter si e’ assicurata Guarin del Porto. Ormai e’ questione di dettagli, l’operazione e’ stata definita la scorsa notte dopo che il Porto aveva avuto la certezza di potersi riprendere Lucho Gonzalez dal Marsiglia. Il colombiano andra’ all’Inter in prestito per un milione e mezzo, poi verra’ riscattato a luglio. Philippe Coutinho non utilizzato da Ranieri, e’ andato in prestito all’Espanyol, mentre Mariga e’ tornato dalla Real Sociedad basca, ma solo per essere immediatamente girato al Parma, dove ha gia’ giocato.

Thiago Motta, a meno di clamorosi colpi di scena dell’ultima ora, rimarra’ fino a giugno (quando poi andra’ al Paris SG), mentre per definire la trattativa con il Milan per Muntari in rossonero manca l’ultima parola dei procuratori. E a proposito dei campioni d’Italia, Galliani continua a fari spenti le trattative per Tevez, che da parte sua fa sapere di aver deciso di rimanere al City fino al termine della stagione. Ma attenzione ai colpi di scena dell’ultimo momento, con il Milan non si puo’ mai sapere.

Sull’obiettivo-centrocampo rimane focalizzata anche la Juventus, che in queste ore provera’ a convincere il Cagliari a lasciar partire Nainggolan: per ora Cellino resiste. Intanto la Juve tratta Parolo con il Cesena, perche’ lo considera la carta giusta per arrivare a Nainggolan. Ma non e’ escluso che in caso di fumata nera, la Vecchia Signora decida di virare su Angelo Palombo. In uscita, dopo Toni andato all’Al Nasr e Motta finito al Catania, c’e’ Michele Pazienza: le trattative con l’Udinese va avanti. La Juve ha anche deciso di rivedersi domani con il Novara per ridiscutere il futuro di Vincenzo Iaquinta. A quel punto i novaresi cederebbero Morimoto al Chievo: c’e’ gia’ un accordo in questo senso.

Lascia l’Italia dopo pochi messi il laziale Cisse’, che passa al Queens Park Rangers per 5 milioni di euro, dopo che in estate Lotito lo aveva pagato 5,8. Ora la Lazio tentera’ il colpo Honda. Il Napoli vorrebbe Candreva ma il Cesena, che ha chiesto Rolando Bianchi ed Ebagua al Torino, non lo cede in prestito.