Calciomercato Inter, Thohir: “Pregate per me che compri subito”

Pubblicato il 12 Giugno 2013 9:48 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2013 9:48
Calciomercato Inter, Thohir: "Pregate per me che compri subito" ma Moratti frena (LaPresse)

Calciomercato Inter, Thohir: “Pregate per me che compri subito” ma Moratti frena (LaPresse)

CALCIOMERCATO INTER – Erick Thohir vuole l’Inter ma Massimo Moratti non ha fretta.

Il magnate indonesiano all’attacco: “Pregate per me che compri subito. Mi scuso perché per adesso non posso parlarne – ha esordito in conferenza stampa a Giacarta in vista della Confederation Cup 2013 -. Vi posso dire soltanto di pregare.

Non posso aggiungere altro perché le trattative sono ancora in corso. La mia visione è quella di investire sui giovani e di costruire un grande club in 2-3 anni.

Non siamo ancora ai livelli di LA Galaxy e New York Red Bulls. Il mio modello? Il Real Madrid ma mi piacciono anche Arsenal, Everton , Ajax e Barcellona. Vorrà dire che mi terrò i soldi per andare a mangiare…”

I nuovi soci da una parte, il calciomercato dall’altra. Oltre a monitorare le trattative per rafforzare la squadra, Massimo Moratti e’ da tempo alle prese con l’ingresso di possibili investitori nell’Inter.

Un’operazione che avverra’ ”meno di corsa di quel che si legge sui giornali”, secondo quanto affermato dal presidente nerazzurro.

Non e’ la prima volta che Moratti frena sui tempi dell’accordo anche se da Giacarta il magnate indonesiano Erick Thohir ha confermato oggi di aver imbastito un discorso per acquisire parte delle quote. ”Le trattative sono in corso ma non posso dire molto di piu”’, ha detto invitando i cronisti a ”pregare” per il buon esito.

Sul calciomercato dei calciatori l’Inter ha invece messo nel mirino un doppio obiettivo: sistemare la rosa e non impoverire ulteriormente le casse. Sono queste le priorita’ di Massimo Moratti in vista di una campagna acquisti-cessioni che dovra’ servire per consegnare a Mazzarri una rosa in linea con le esigenze presentate a Branca e Ausilio.

”Vedremo cosa riusciremo a fare in uscita e in entrata per soddisfare il modulo del tecnico e il patrimonio della societa’ – ha dichiarato il presidente nerazzurro all’arrivo negli uffici della Saras – Ho avuto un’impressione positiva dell’allenatore, mi sembra una persona concreta. Cercheremo di completare la rosa e di trovare un equilibrio”.

Si partira’ dalle cessioni: Stankovic dovrebbe rescindere, Gargano non e’ stato riscattato dal Napoli e la dirigenza sta cercando una sistemazione per Alvarez, anche se per l’argentino le offerte scarseggiano. Gli altri giocatori verranno valutati da Mazzarri in ritiro, ma su due elementi c’e’ gia’ il veto di Moratti.

”Escludo una partenza di Ranocchia perche’ dobbiamo dare peso alla difesa e lui e’ uno dei piu’ forti del reparto oltre ad essere un calciatore della nazionale – ha continuato il presidente – Quanto a Guarin e’ bello che voglia restare, e’ tra piu’ richiesti ma noi puntiamo su di lui”. E’ stato proprio il colombiano, infatti, a manifestare ieri l’intenzione di non muoversi da Milano.

In attacco non trova conferme da parte di Moratti l’operazione Osvaldo, la cui valutazione e’ molto elevata. ”Sono tutte cose che sento in tv”, ha sottolineato il presidente nerazzurro riferendosi ad una possibile trattativa con la Roma per l’argentino. In questo momento appare piu’ probabile l’acquisto di un centravanti d’esperienza e con un costo abbordabile, magari trattenendo Antonio Cassano.

”Spero di rientrare nel giro della nazionale e nei piani dell’Inter, che ha appena preso un allenatore di cui ho stima e che conosco dai tempi della Sampdoria”, ha dichiarato il fantasista barese in un’intervista al settimanale ‘Chi’, respingendo l’ipotesi di una cessione.