Calciomercato Juventus, il Barcellona insiste per Pjanic dopo il brutto infortunio subito da de Jong

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Giugno 2020 17:40 | Ultimo aggiornamento: 21 Giugno 2020 17:40
Calciomercato Juventus, il Barcellona insiste per Pjanic dopo il brutto infortunio Jong

Calciomercato Juventus, il Barcellona insiste per Pjanic dopo il brutto infortunio subito da de Jong (foto Ansa)

BARCELLONA (SPAGNA) – Possibilità svolta nell’affare di calciomercato che dovrebbe portare Miralem Pjanic a Barcellona in cambio di Arthur e un sostanzioso cash alla Juventus.

Dopo il grave infortunio subito da de Jong, i blaugrana hanno bisogno di rimpiazzarlo con un calciatore di pari livello.

Da questo punto di vista, Miralem Pjanic sarebbe il sostituto ideale.

In un primo momento, il Barcellona non si era detto disposto a cedere Arthur alla Juventus ma adesso è costretto a cambiare strategia.

Adesso che si è sbloccata anche la situazione Arthur, l’affare di calciomercato potrebbe andare in porto nelle prossime ore.

Pjanic è considerato da sempre il calciatore ideale per il Barcellona per le sue qualità tecniche e per il suo modo di interpretare il gioco del pallone.

Il centrocampista della Juventus è un calciatore geometrico che si sposa benissimo con il “Tiki Taka” blaugrana.

La Juve è favorevole alla sua cessione perché ha bisogno di fare cassa e necessita anche di un calciatore come Arthur.

Brutte notizie per il Barcellona.

Come riporta il sito ufficiale del club, il centocampista Frankie de Jong, assente all’allenamento di oggi, ha rimediato una lesione al soleo (muscolo che costituisce la maggior parte del polpaccio) della gamba destra.

L’olandese, che nei giorni scorsi aveva già avuto problemi per un affaticamento muscolare, sarà indisponibile “per alcune settimane”.

 Quindi il tecnico Quique Setien si ritrova privo di una pedina che ritiene fondamentale. 

 Il Barcellona è il rivale del Napoli di Rino Gattuso nel match di ritorno degli ottavi di Champions League, che verrà giocato a inizio agosto al Camp Nou, a porte chiuse (fonte articolo, Ansa).