Calciomercato Juventus: Borriello, Caceres, Palombo; il punto

Pubblicato il 29 Dicembre 2011 0:19 | Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre 2011 23:54

Marco Borriello (LaPresse)

TORINO -Calciomercato Juventus: Borriello, Caceres, Palombo;  facciamo il punto sulle strategie da parte della società di Andrea Agnelli  per rafforzare la rosa durante la sessione di mercato invernale in vista degli impegni del prossimo anno calcistico. Andiamo a scoprire meglio i calciatori che interessano alla Juventus.

Borriello piu’ Caceres. La Juve stringe per i primi due rinforzi del mercato di gennaio. L’attaccante della Roma e il difensore del Siviglia sono ormai a un passo dalla maglia bianconera e l’intenzione del club e’ di mettere entrambi i giocatori a disposizione di Antonio Conte gia’ per il ritiro di Dubai.

E visto che i bianconeri raggiungeranno l’Emirato il 30 dicembre, restano 72 ore per definire gli accordi.    Per Borriello non ci sarebbero piu’ ostacoli, l’intesa e’ gia’ stata praticamente raggiunta: arrivera’ con la formula del prestito oneroso di 1 milione di euro piu’ diritto di riscatto a fine stagione fissato tra i 7 e gli 8 milioni.

Conte avra’ cosi’ un’alternativa in piu’ per la punta centrale: l’attaccante napoletano fara’ il vice-Matri, ruolo in cui si e’ cimentato, e bene, anche Quagliarella, che e’ un elemento piu’ versatile e puo’ occupare tutte le posizioni del tridente bianconero. Per l’annuncio dell’ex giallorosso si dovrebbe attendere pero’ la cessione di un compagno di reparto.

Il primo e’ Amauri: l’italo-brasiliano non sembra troppo convinto dell’offerta del Genoa, triennale da 1,8 milioni di euro, e questo potrebbe allungare un po’ i tempi. Gli altri esuberi sono Iaquinta (Fiorentina e Novara sulle sue tracce) e Toni.

Stretta finale anche per l’altro acquisto, Martin Caceres: si sta trattando sulle cifre con il Siviglia. La Juve propone le stesse dell’affare Borriello; il club andaluso vorrebbe qualche milioni in piu’ per il prestito e arrivare fino a 4. Anche in questo caso pero’ siamo alle schermaglie conclusive. Conte avra’ cosi’ a disposizione un giocatore duttile, capace di giocare su entrambe le fasce e anche da centrale nella difesa a tre.

Resta poi la questione centrocampista, il terzo tassello da inserire nella sessione invernale di mercato. L’obiettivo numero 1 è Angelo Palombo della Sampdoria e della Nazionale Italiana.

Angelo Palombo ha fatto parte della Nazionale Under-20 che ha vinto la medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo di Tunisi 2001.

Ha fatto il suo esordio nella Nazionale Under-21 il 19 novembre 2002, diventandone poi un titolare nei successivi due anni, durante i quali è stato convocato complessivamente 23 volte: l’esperienza con la maglia azzurra è terminata nel 2004, quando ha vinto l’Europeo Under-21 e la medaglia di bronzo a Giochi olimpici dello stesso anno.

Il 16 agosto 2006 ha fatto il suo esordio con la maglia della Nazionale maggiore, nella partita amichevole Italia-Croazia (0-2) giocata a Livorno. Fu la prima gara da c.t. di Roberto Donadoni ed anche la prima partita giocata dalla Nazionale dopo i vittoriosi Mondiali 2006. In quella occasione, con Palombo, furono altri tre i giocatori della Sampdoria ad esordire con la maglia azzurra: Terlizzi, Falcone e Delvecchio. 

Palombo rimane nel gruppo della Nazionale anche con il ritorno di Marcello Lippi, e viene convocato sia per la Confederations Cup 2009 che per il Mondiale 2010, tornei nei quali non viene impiegato. Rimane nel gruppo anche durante la gestione di Cesare Prandelli.