Calciomercato Juventus: Caceres, Pizarro, Amauri, Borriello; le notizie

Pubblicato il 12 Gennaio 2012 10:50 | Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2012 10:46

Martin Caceres (LaPresse)

TORINO – Calciomercato Juventus: Caceres, Pizarro, Amauri, Borriello; facciamo il punto sulle strategie da parte della società di Andrea Agnelli  per rafforzare la rosa durante la sessione di mercato invernale in vista degli impegni del prossimo anno calcistico (Coppa Italia Tim e Campionato italiano di calcio di Serie A). Andiamo a scoprire meglio i calciatori che interessano alla Juventus.

Primo giorno di Borriello con la squadra: il neo acquisto della Juventus ha provato questa mattina gli schemi d’attacco previsti da Antonio Conte. Domani, l’attaccante intensifichera’ il proprio inserimento nel corso della preparazione tattica specifica anti-Cagliari. Le sue condizioni fisiche sono buone, ma al momento sembra che le intenzioni del tecnico siano quelle di partire con Matri in campo e Borriello in panchina.

Cosi’, almeno, l’altoparlante non scandira’ il nome dell’ex romanista tra quelli che scendono in campo subito e la schiera dei contestatori avra’ piu’ difficolta’ ad esprimere il proprio dissenso verbale, anche se la volonta’ degli ultras e’ chiara, continuare nell’atteggiamento di Lecce, nonostante le innumerevoli spiegazioni fornite dallo stesso giocatore e dalla societa’ sulle modalita’ del suo trasferimento alla Roma l’anno scorso. Conte, e’ ovvio, non si lascia condizionare da tutto cio’ e la sua valutazione rimane squisitamente tecnica, perche’ Borriello non gioca da oltre un mese e quindi troverebbe di certo meno difficolta’ a partita in corso, contro difensori gia’ stanchi.

Alla Juve manchera’ Chiellini per squalifica e il suo sostituto, con tutta probabilita’, sara’ De Ceglie, perche’ il tecnico non si fida di una soluzione piu’ sbilanciata come l’inserimento di Estigarribia. Si gioca anche intensamente dietro le scrivanie. C’e’ una mezza formazione juventina sul piede di partenza: Sorensen, Motta, Grosso, Krasic, Amauri, Iaquinta, Toni, gente che (tranne il primo) non ha mai fatto parte del progetto di Conte. Il danese andra’ in comproprieta’ al Bologna, per 2,5 mln, una mossa che conferma l’arrivo in bianconero di un difensore piu’ esperto. Sul fronte Caceres, la societa’ aspetta le mosse del Siviglia, cui ha chiesto di abbassare il prezzo del riscatto, 11 mln; in caso contrario, si puntera’ su Bocchetti.

Motta e’ vicino al prestito con il Gijon, Grosso potrebbe accettare gli States; Amauri, quello che ha piu’ mercato ma anche colui che ha creato maggiori problemi nelle trattative, interessa la Fiorentina, ma la Juventus non accetta di dargli buonuscite, visto come e’ stata trattata dal giocatore e intende monetizzare per intero almeno il risparmio di meta’ del suo ingaggio annuale, cioe’ 1,9 mln. Buio pesto su Krasic (Marotta ha ammesso di non avere avuto richieste) e Iaquinta, che non accetta prestiti, mentre per Toni sono aperte piste italiane (Bologna su tutti, Cesena, Siena, Lecce) e il Canada.

Oggi, Juve e Brescia si sono incontrati per il portiere diciottenne Nicola Leali, ritenuto in grado di diventare l’erede di Gigi Buffon: l’affare ha ottime probabilita’ di concludersi. Ancora silenzio sulla pista che porta a Pizarro: la Juventus sta riflettendo se l’operazione sia opportuna, senza peraltro mettere in dubbio il valore assoluto del giocatore, dimostrato in dodici anni di Italia. Non cambia la strategia della Juventus riguardo il calciomercato in entrata: Martin Caceres e David Pizarro rimangono due obiettivi forti.