La Juve vuole João Félix, costa 100 milioni. Bianconeri pronti a sacrificare Dybala

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 13 aprile 2019 15:15 | Ultimo aggiornamento: 13 aprile 2019 15:15
La Juve vuole João Félix, costa 100 milioni. Bianconeri pronti a sacrificare Dybala

La Juve vuole João Félix, costa 100 milioni. Bianconeri pronti a sacrificare Dybala (foto Instagram)

TORINO – La Juventus vuole João Félix del Benfica. Arrivare al giovane fenomeno del calcio portoghese non sarà semplice perché costa cento milioni di euro e perché su di lui ci sono tutte le big d’Europa ma i bianconeri sarebbero in vantaggio sugli altri club grazie alla presenza in rosa dell’idolo di  João Félix e di tutti i giovani portoghesi, Cristiano Ronaldo. Pur di arrivare a Felix, la Juventus sarebbe disposta a sacrificare Paulo Dybala. Sull’attaccante argentino, che lascerà la Juventus perché è in rotta con Allegri, ci sono due club disposti a tutto pur di prenderlo, si tratta di Bayern Monaco e Paris Saint Germain. 

Fabio Capello: “Juventus e Barcellona favorite per la Champions League”.

“Mi piace il Barcellona allenato da Ernesto Valverde, perché ha un gioco con meno passaggi e più verticalizzazioni. Mi annoio di meno adesso”. Così Fabio Capello, come riporta l’Ansa citando il Mundo Deportivo, a Tot Costa, una trasmissione in onda su Catalogna radio.

“Il Barcellona è uno dei favoriti almeno per la conquista della finale della Champions League, perché ha tutto per riuscirci”, ha aggiunto Capello. Che poi ha aggiunto, sicuro: “Attenzione, perché la squadra più forte non sempre vince sempre in finale”. Come scrive l’Ansa, un’altra candidata per il titolo europeo è la Juventus.

“Con l’arrivo di Cristiano Ronaldo, la Juve è anche una delle favorite. C’è stato un miglioramento sotto il profilo della mentalità – ha ammesso Capello -: hanno voglia di vincere. All’inizio della stagione avevo scelto il Manchester City come favorito per la vittoria finale, ma non mi è piaciuta la partita che ha perso contro il Tottenham: li vedo stanchi”.
Fonti: Ansa, Mundo Deportivo e Tot Costa.