Calciomercato, Juventus padrona: Lucio, Isla, Asamoah. Ora il bomber Cavani?

Pubblicato il 3 Luglio 2012 10:00 | Ultimo aggiornamento: 3 Luglio 2012 10:00

Cavani (LaPresse)

CALCIOMERCATO JUVENTUS – Euro 2012 ormai alle spalle e calciomercato che torna in pole position tra i pensieri accaldati dei tifosi del Bel Paese sotto l’ombrellone.

A cominciare da quelli un po’ amari dei supporter napoletani costretti a dire addio ufficialmente a Ezequiel Lavezzi, approdato al Paris Saint Germain per circa circa 30 milioni di euro e con un conratto di quattro anni. Roba da leccarsi le ferite per i fan sotto il Vesuvio, mentre di tutt’altro umore i campioni d’Italia che accolgono due pezzi da novanta dell’Udinese come Kwadwo Asamoah e Mauricio Isla e aspettano di chiudere per il gigante della difesa interista Lucio.

Bianconeri veri protagonisti del mercato che nelle prossime ore potrebbe portare anche il centrale brasiliano dell’Inter (incontro a Milano coi dirigenti bianconeri nel tardo pomeriggio) che vuole giocare la Champions e restare in Italia. In piu’ sempre sulla sponda della squadra di Antonio Conte sono previsti colloqui con Genoa, Pescara e Atalanta per sferrare l’assalto decisivo a Destro, Verratti, Gabbiadini. Intanto l’Arsenal ha rifiutato la prima offerta della Juve per Van Persie: troppo pochi 10 milioni di euro ma e’ possibile una nuova offerta piu’ consistente per convincere i Gunners.

”Abbiamo un grande allenatore, una grande squadra, grandi campioni, faremo molto bene in Champions League e in campionato”. Si presenta cosi’ Mauricio Isla ai suoi nuovi tifosi della Juventus. ”Arrivo in una delle migliori squadre di non solo d’Italia ma del mondo, che ha fatto molto bene l’anno scorso – spiega l’ex Udinese in un’intervista a Juventus.com -. Vidal? Non c’era bisogno mi dicesse niente per convincermi a venire qui, tutti sanno che cos’e’ la Juve. Lui e’ uno dei calciatori cileni piu’ forti, cio’ che ha fatto qui e’ stato grandissimo”. Ora non resta che cominciare la nuova avventura: ”Voglio tornare in fretta in forma, il mio ginocchio (operato nei mesi scorsi, ndr) adesso va molto bene adesso”.

La Juventus sta lavorando intensamente anche nella trattativa per Manolo Gabbiadini. Ripercorriamo la carriera del giovane campioncino dell’Atalanta.

Bergamasco, cresciuto nelle giovanili del Bolgare e successivamente in quelle dell’Atalanta, esordisce in Serie A con la maglia neroazzurra il 14 marzo 2010, a 18 anni e quattro mesi, subentrando nella ripresa a Simone Tiribocchi nel match perso 1-0 contro il Parma. La stagione si conclude con sole 2 presenze e con la retrocessione della squadra bergamasca.

Dopo la stagione in Serie B al Cittadella, viene riscattato interamente dall’Atalanta in cambio dell’altra metà del cartellino di Daniele Gasparetto più conguaglio economico.

Nonostante le sue buone prestazioni destino l’attenzione di numerosi club italiani e soprattutto europei (su tutti l’Amburgo), è il suo stesso agente, Silvio Pagliari, ad affermare che l’Atalanta intende puntare forte su di lui. Viene quindi aggregato alla rosa orobica per la stagione 2011-2012.

Il 21 agosto, alla prima gara stagionale, segna la sua prima rete in maglia nerazzurra siglando il gol del momentaneo pareggio nel match valido per il terzo turno di Coppa Italia contro il Gubbio (la partita finirà 4-3 per gli umbri). Il 25 marzo2012, a 20 anni, realizza il suo primo gol in Serie A nella partita contro il Bologna (2-0) disputata a Bergamo.

Nell’aprile del 2009 è stato convocato per la prima volta a vestire la maglia Azzurra, per la precisione quella della Nazionale Under-18, senza tuttavia mai scendere in campo con questa categoria (viene convocato anche la volta successiva).

Ha giocato tre partite con la Nazionale Under-20 segnando 2 gol.

Il 17 novembre 2010 ha esordito con la Nazionale Under-21, nella partita amichevole Italia-Turchia (2-1) disputata a Fermo. Il 29 marzo 2011 realizza il suo primo gol con l’Under-21 nella partita amichevole contro la Germania (2-2). Ha preso parte al Torneo di Tolone 2011, dove ha realizzato 2 reti.

Il 6 settembre 2011, in occasione della prima partita di qualificazione agli Europei Under-21 del 2013, realizza una doppietta contro l’Ungheria. La partita finirà poi 3-0 per gli Azzurrini.  Il 6 ottobre 2011 realizza 3 gol nella partita vinta 7 a 2 contro il Liechtenstein.

Attiva pure la Roma di Zeman anche se i nomi di cui si parla restano di secondo piano come il difensore brasiliano Dodo’ sbarcato oggi nella capitale e il greco Tachtsidis per il quale sarebbe in dirittura d’arrivo un apposito accordo. Inter in fermento per ora solo sul fronte delle uscite: oltre al saluto nei confronti di Lucio e’ pronto anche quello per Diego Forlan. Resta invece a Milano il perno della difesa rossonera Thiago Silva che ha prolungato il suo contratto fino al 2017.

La decisione di prolungare di una stagione il precedente contratto del forte difensore milanista, in scadenza nel 2016, arriva a poche settimane dalla decisione del Milan di rifiutare l’offerta avanzata dal Paris Saint Germain. Il 14 giugno il presidente Silvio Berlusconi ha respinto i 46 milioni di euro offerti dai francesi, per il difensore brasiliano. E nei giorni scorsi Paulo Tonietto, agente del giocatore, con l’ad rossonero Adriano Galliani ha discusso di un possibile adeguamento di contratto.    Amauri torna a vestire la maglia del Parma: nel tardo pomeriggio è stato perfezionato l’accordo con la punta italo-brasiliana: contratto biennale con opzione per il terzo.  A Pescara arriva Abbruscato, mentre la Fiorentina prosegue la trattativa per avere il difensore danese della Roma Kjaer. Sul fronte Lazio, ufficializzato l’acquisto di Ederson, spunta l’idea Maxi Lopez.