Calciomercato Juventus, Milinkovic Savic a Torino: i tifosi ci sperano

Pubblicato il 3 gennaio 2018 19:22 | Ultimo aggiornamento: 3 gennaio 2018 19:22
calciomercato-juventus-milinkovic-savic

Calciomercato Juventus, Milinkovic Savic a Torino: i tifosi ci sperano

TORINO – Sergej Milinkovic-Savic è uno dei calciatori più forti del nostro campionato quindi, in periodo di calciomercato, basta una sua visita al fratello Vanja, portiere del Torino, per far impazzare i rumors di mercato su un suo possibile trasferimento alla Juventus.

Ci sperano certamente i tifosi bianconeri che hanno tempestato il suo Instagram di messaggi. Dal “Ti aspettiamo allo J medical per le visite mediche” al “Domani ti alleni già con noi?”.

Le ultime dichiarazioni su Milinkovic Savic sono di Peruzzi

“Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio”. Intervistato da Premium Sport, il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del ‘gioiello’ serbo che mezza Europa sta tenendo d’occhio.

Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggio che nelle ultime sue quattro partite avrebbero penalizzato la squadra di Simone Inzaghi. “Se siamo preoccupati per gli errori del Var? – dice Peruzzi – No, non siamo preoccupati per il Var. Ogni partita poi ha i suoi episodi, non voglio polemizzare anche perché non l’ho mai fatto”.

“Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze – aggiunge il dirigente laziale – e sembra che non siano tutti d’accordo. E’ come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso. Non lo fanno mai entrare e lui, nonostante tutti i suoi sforzi, non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse”.

“Mi auguro che i giocatori le abbiano capite – conclude Peruzzi -. Dagli arbitri non ci aspettiamo niente, solo che facciano il loro dovere”.