Calciomercato, Cutrone al Wolverhampton. Milan accelera su Correa e Rafael Leao

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Luglio 2019 17:18 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2019 17:18
Calciomercato Milan Correa Rafael Leao Cutrone Wolverhampton

Cutrone saluta il Milan in questo calciomercato, andrà ai Wolves in Inghilterra. Nella foto Ansa una sua esultanza con la maglia rossonera

MILANO – Patrick Cutrone ha lasciato nella notte il ritiro di Boston, sede degli allenamenti della tournée del Milan, ed è tornato in Italia, come già fatto settimana scorsa da André Silva, prima del naufragio della trattativa con il Monaco: è imminente infatti il trasferimento del numero 63 rossonero al Wolverhampton.

Il 21enne attaccante avrebbe dunque deciso di accettare la corte del club di Premier – che disputerà l’Europa League – dopo alcuni giorni di riflessione: restano da sistemare ancora gli ultimi dettagli ma l’operazione pare destinata a chiudersi.

Termina così l’esperienza lunga 10 anni al Milan di Cutrone, prodotto del settore giovanile rossonero, dopo 27 gol in 90 presenze in prima squadra. La cessione dovrebbe portare nelle casse del Milan circa 25 milioni complessivi.

Cutrone voleva rimanere al Milan ed è apparso decisamente infastidito da questa decisione del club di scaricarlo al miglior offerente. 

Il Milan si concentrerà ora sul definire gli acquisti di Angel Correa dall’Atletico Madrid (il suo agente è in Italia) e di Rafael Leao del Lille.

Giampaolo non parla di calciomercato ma promuove il ritiro: “Oltre le aspettative”.

 Un ritiro ”oltre le aspettative” ma con la necessità di avere ”tempo e pazienza”. E’ il bilancio dei primi 10 giorni di lavoro offerto da Marco Giampaolo a Malpensa, prima della partenza verso gli Stati Uniti per la tournée del Milan.

”Sono stati 10 giorni di ottimo lavoro – nota il tecnico – ho trovato un gruppo di calciatori curiosi con un alto livello di professionalità e attenzione. Milanello è una struttura straordinaria, non potevo trovare di meglio.

Sono contento, in questo periodo si dice sempre che siamo in luna di miele. I giocatori sono stati straordinari, sono andati oltre alla mie aspettative per la capacità di apprendere. Mi hanno davvero sorpreso: dobbiamo consolidare quanto fatto, migliorare altre cose, il tempo può essere il mio primo alleato” (fonte Ansa).