Calciomercato Milan: Pato dubbioso

Pubblicato il 10 Giugno 2010 10:55 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2010 10:55

Alexandre Pato spaventa il Milan. Dal Sudafrica, dove è volato per un evento di beneficenza e non per giocare il Mondiale come sperava, il brasiliano ha messo un punto interrogativo sul suo futuro. “Adesso è presto per dire se resto al Milan – ha spiegato Pato a Johannesburg -. Di queste cose voglio parlare solo dopo il 20 luglio (data del raduno a Milanello, ndr), della mia squadra non sto seguendo neppure il mercato. Sono venuto un Sudafrica per questo progetto benefico della Nike e per tifare Brasile suonando la mia vuvuzela”. La notizia esce all’ora di pranzo, poco più di due ore dopo a Milano è tempo delle rettifiche. “Pato ha un contratto con il Milan fino al 2014 e intende rispettarlo – ha fatto sapere attraverso il Milan Gilmar Veloz, procuratore dell’attaccante brasiliano -. Alexandre ha solo detto che non è il momento di parlare di mercato visto che si trova in Sudafrica per un’iniziativa di beneficenza”. Non è l’unico dubbio che i dirigenti milanisti dovranno risolvere. Nonostante il patron Silvio Berlusconi abbia assicurato che nessuna stella della squadra sarà messa sul mercato, come Pato anche Ronaldinho ha seminato incertezze. E da valutare è anche la posizione di Mathieu Flamini. Altri sono i giocatori che il Milan è pronto a cedere. Fra questi Klaas-Jan Huntelaar, che potrebbe fruttare almeno 10 milioni di euro. Per ora l’olandese ha declinato le proposte di Totthenam e Wolfsburg, ma Galliani insisterà perché quella è la cifra che serve per arrivare a Luis Fabiano. Il Milan è interessato anche ad Adriano Correia, laterale che ha deciso di lasciare il Siviglia: “Ho rispetto per la mia società, ma considero il Milan una grande esperienza per la mia carriera – ha fatto sapere il brasiliano -. Nessuno sa cosa potrà accadere in futuro, ma penso proprio che cambiare club in questo momento sia la cosa migliore per me”. Un terzino in grado di adattarsi anche a centrocampo come Adriano Correia è proprio ciò che vorrebbe Massimiliano Allegri, che ancora non si è liberato dal Cagliari ma è già concentrato sulla nuova avventura sulla panchina del Milan. Domani in Lega calcio Galliani dovrebbe incontrare Massimo Cellino (sempre che all’ultimo non decida di restare a Miami) per accelerare il divorzio fra l’allenatore e il Cagliari. Pare basti poco per il via libera definitivo di Cellino: due milioni di euro, ovvero la metà del cartellino di Davide Astori, in comproprietà proprio fra Milan e Cagliari.